L'ordinanza del Tribunale di Verona nel procedimento tra Cibo ed Mgp

L'esito del procedimento civile posto in essere per chiedere la rimozione di due post pubblicati sui social network dallo street artist

Cibo (Foto di repertorio)

Pier Paolo Spinazzè, in arte Cibo, ha posto l'accento solo su alcuni passaggi dell'ordinanza emessa dal Tribunale di Verona (LEGGIBILE INTEGRALMENTE QUI ed anche in allegato) come esito del procedimento civile ex art. 700 cpc. Un procedimento posto in essere per chiedere la rimozione di due post pubblicati sui social network dallo street artist. Le immagini condivise su Facebook e Instagram erano state ritenute diffamatorie ed offensive nei confronti del Movimento giovani padani (Mgp), il quale sarebbe stato ingiustamente associato agli spregevoli fenomeni di fascismo e nazismo.

Le immagini sono state rimosse dai profili social Cibo ed è quindi stata accolta una richiesta dei ricorrenti. Il giudice ha infatti descritto come: «evidente ed immediato il collegamento tra il simbolo nazista della svastica e tra il termine fascismo con il Movimento Giovani Padani», disponendo così l'immediata cancellazione dei post dai social network. Una disposizione che l'artista ha rispettato perché, come affermato ancora dal giudice: «appare evidente come lo stesso movimento sia diffamato ove lo si accosti puramente, acriticamente e semplicemente a simboli e ad ideologie il cui disvalore morale, democratico e politico è cognizione comune».

Non tutte le pretese dei ricorrenti sono state però accolte e la conseguenza è stata una compensazione delle spese. Ciascuna parte, dunque, è stata tenuta al pagamento del compenso del proprio avvocato, senza alcuna condanna al pagamento delle spese dell'avvocato di controparte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, è giusto precisare che Cibo non può essere definito «assolto», pur essendo state rigettate alcune richieste dei ricorrenti. Non si può parlare di assoluzione perché il procedimento è di tipo civile. Non si tratta, infatti, di un procedimento penale per diffamazione scaturito da una querela. E comunque, essendo stato ordinando all'artista di cancellare i post, il giudice avrebbe riconosciuto l'illegittimità del suo comportamento.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento