Nuovo stadio per la città: è botta e risposta tra Tosi e l'Hellas Verona

In un post pubblicato sulla propria pagina, l'ex primo cittadino ha attaccato l'attuale amministrazione comunale e anche la società gialloblu, che ha replicato con un comunicato tramite il proprio sito

Il rendering del nuovo stadio

Sul nuovo stadio mancano ancora i documenti del piano finanziario. Non lo dico io, ma il Comune. Precisamente i dirigenti dell'area risorse economiche con una circolare ufficiale del 3 giugno scorso. Sboarina vuole procedere con un'operazione al buio sulla pelle della città e del quartiere.

È l'ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, a cercare l'affondo sulla questione del nuovo stadio cittadino, con un post pubblicato sulla sua pagina ufficiale Facebook. L'ex primo cittadino infatti avanza dubbi sulla questione finanziaria legata all'opera, senza risparmiare una frecciatina all'Hellas. 

Sulla circolare dei dirigenti comunali è scritto chiaro e tondo che “la documentazione prodotta è da ritenersi incompleta e ogni valutazione deve essere condizionata alla presentazione e alla verifica di tali documenti. Tale aspetto assume particolare importanza in rapporto all'elevato importo del capitale a debito. Anche il Tir (tasso interno di rendimento nda) dell'azionista conferma l'elevato livello di rischio del progetto”.

Sboarina spaccia per parere favorevole degli uffici comunali ciò che nella sostanza non lo è, date le condizioni poste dall'area risorse economiche, che sottolinea come manchino le carte fondamentali del piano economico-finanziario e tutto sia ad oggi ancora un'incognita. Sboarina vuole andare al voto in Consiglio comunale l'8 agosto esponendo la città e il quartiere stadio al rischio di un'operazione al buio, con la seria ipotesi che poi vengano a mancare poi i finanziatori. Sboarina è ridicolo, vuole far approvare un project financing senza le coperture economiche. A questo aggiungiamoci le perplessità sul messicano Esparza, con la sua società che ha un tasso di rendimento che - come dice il Comune - non dà garanzie e che ha gli uffici di New York presso la sede di un’altra azienda. Quasi un fantasma 'sto messicano, verrebbe da dire per amor di metafora.

In ogni caso, se Setti e il messicano vogliono farsi uno stadio privato, lo vadano a realizzare alla Marangona, evitando di devastare il quartiere. Ricordo, in conclusione, gli oltre 3 milioni di debiti dell'Hellas Verona con il Comune, quindi con i veronesi. L'Hellas Verona che, ricordo, è tra le società proponenti del progetto.

Le parole di Tosi però non sono passate inosservate sotto gli occhi della società gialloblu, che ha risposto con un comunicato pubblicato sul proprio sito

Il Club intende precisare, ancora una volta, come sia profondamente sbagliato parlare di progetto del Verona o del presidente Setti. La società, si ribadisce per coloro che ancora non abbiano ben compreso la procedura legata alla 'Legge sugli stadi', ha unicamente formalizzato un accordo con la società proponente indispensabile, secondo la normativa, per poter procedere con l’iter di costruzione dell’impianto. Tale accordo prevede semplicemente che, se e quando il nuovo stadio sarà realizzato, il Club lo utilizzerà. Tutto qui.

Infine, provando a chiarire nuovamente la questione legata ai canoni di affitto relativi all’utilizzo dello stadio Bentegodi, si ricorda che questi sono oggetto di un procedimento in corso presso il tribunale di Verona, in quanto ci sono spese da bilanciare che riguardano lavori straordinari e ristrutturazioni fatte nello stadio e all’Antistadio dalla nostra società. Solo per citarne una, che il sig. Tosi dovrebbe ricordare bene, quella relativa al rifacimento del manto erboso in seguito al concerto di Robbie Williams.

In ogni caso il Club diffida chiunque dall'utilizzare e/o menzionare l’Hellas Verona e il suo presidente per meri scopi politici o strumentalizzazioni di fatti non riportati correttamente. In difetto non esiteremo a tutelare il Club e il suo Presidente nelle opportune sedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento