Nuovo Stadio, Credito Sportivo sarà garante. Ora Lega pronta a dire sì

Positivo l'incontro tra il presidente dell'istituto Andrea Aboldi con Sboarina e la sua maggioranza. E Credito Sportivo potrebbe anche entrare tra i finanziatori dell'opera

Rendering Nuovo Arena Stadium

È stato positivo l'incontro tra il presidente del Credito Sportivo Andrea Aboldi con la maggioranza che sostiene l'attuale amministrazione veronese, capitanata dal sindaco Federico Sboarina. Il Credito Sportivo sarà coinvolto nella realizzazione del Nuovo Arena Stadium, l'impianto sportivo che sostituirà il Bentegodi in piazzale Olimpia. L'istituto farà da garante sulla sostenibilità economica dell'opera e potrebbe rientrare anche tra i suoi finanziatori.
A questo punto, Sboarina può far partire in giunta l'iter amministrativo per il project financing che potrebbe far partire i lavori nel 2021. Lavori che saranno a carico dei privati costruttori, i quali ipotizzano di poter rientrare dall'investimento attraverso l'affitto degli spazi.

Quindi l'amministrazione comunale ribadisce il fatto che il Nuovo Arena Stadium sarà a costo zero per l'amministrazione. E con i sì del Credito Sportivo, il sindaco Sboarina ha incassato il favore della Lega, la voce più critica sul nuovo stadio all'interno della maggioranza.

Grazie all'intervento della Lega il progetto iniziale del nuovo stadio è stato posto al vaglio del Credito Sportivo che da sempre è stato da noi considerato un significativa sicurezza nel portare a termine l'opera - ha commentato il commissario provinciale della Lega a Verona Nicolò Zavarise - Per dire "sì" al progetto la Lega non vuole ci siano dubbi. Una nuova moderna struttura sportiva rappresenta senza dubbio un'opportunità sia per la città sia per il quartiere, che dall'opera potrebbe trarre benefici. Ma proprio per la sua importanza e la caratterizzazione pluriennale del progetto era necessario rimanere accorti al fine di avere come unico obiettivo il bene della città e non dei singoli qualora ve ne potessero trarre vantaggi o interessi. Lo stesso Credito Sportivo ora potrebbe fare non solo da advisor ma anche in parte da finanziatore, garantendo al tempo stesso quella supervisione necessaria per garantire in ogni fase, ma in particolare durante la cantierizzazione, la sostenibilità finanziaria dell'opera. Ora aspetteremo di vedere nero su bianco le prescrizioni del Credito Sportivo e la delibera che verrà portata in giunta, in cui valuteremo se inserire eventuali ulteriori prescrizioni, come l'eliminazione dello stadio provvisorio per garantire una cantierizzazione più circoscritta che preveda demolizione e ricostruzione in sito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento