menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vigili del fuoco in azione dopo il nubifragio (Foto di repertorio)

Vigili del fuoco in azione dopo il nubifragio (Foto di repertorio)

Nubifragio di settembre, inoltrato al Ministero la richiesta per i risarcimenti

I comuni interessati sono Colognola ai Colli, Cazzano di Tramigna, Illasi, Mezzane di Sotto, Montecchia di Crosara, Monteforte d’Alpone, Negrar, San Pietro in Cariano, Soave e Verona, per le località Parona, Quinzano, Avesa, Quinto e Mizzole

Le piogge alluvionali dello scorso settembre in provincia di Verona hanno causato danni all’agricoltura, da Soave a Negrar a Monteforte d’Alpone, superiori al 30% della produzione lorda vendibile. A conclusione dei sopralluoghi e delle verifiche dei tecnici dello sportello interprovinciale di Avepa, la giunta regionale del Veneto, su proposta dell'assessore all'agricoltura Giuseppe Pan, ha individuato le zone territoriali dei comuni veronesi più colpiti e inoltrato al Ministero per le politiche agricole la declaratoria di eccezionale evento atmosferico, così da attivare le procedure del Fondo di solidarietà nazionale per le imprese agricole danneggiate.
I comuni interessati sono Colognola ai Colli, Cazzano di Tramigna, Illasi, Mezzane di Sotto, Montecchia di Crosara, Monteforte d’Alpone, Negrar, San Pietro in Cariano, Soave e Verona, per le località Parona, Quinzano, Avesa, Quinto e Mizzole.

Le domande di intervento potranno essere presentate allo sportello dell'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura (Avepa) entro 45 giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di declaratoria dell'esistenza di eccezionale avversità atmosferica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento