Attualità

Nonna Attilia originaria di San Giovanni Ilarione spegne 100 candeline

Il giorno del suo compleanno si è svegliata con la casa addobbata con festoni e palloncini

La signora Attilia Rossetto, una delle tre "nonnine" di Brendola (una quarta si aggiungerà il mese prossimo) ha spento le sue "prime" 100 candeline. Classe 1920, la signora Rossetto è nata il 19 luglio. Originaria del Comune veronese di San Giovanni Ilarione e sposata con Silvio Boni, del quale è rimasta vedova, si è trasferita nel Vicentino a Brendola dal 2005, proveniente da Gambellara. Nonostante da qualche anno sia costretta su una sedia a rotelle in seguito alla rottura del femore, la centenaria è vispa ed arzilla, ama trascorrere il tempo assieme a familiari ed amici e continua ad informarsi sui fatti che accadono, anche a Brendola, seguendo la televisione e leggendo i giornali.

Una vita, quella di "nonna" Attilia, fatta di sacrifici ma anche di tante soddisfazioni, dedita ad accudire i due figli, Ivana e Leonunzio, e al lavoro nei campi. In occasione del giorno del suo compleanno al risveglio si è ritrovata con la casa addobbata dai nipoti con festoni e palloncini. Lunedì scorso, inoltre, la signora Attilia, ha ricevuto la visita del sindaco Bruno Beltrame e dell'assessore Alessandra Stenco che, a nome di tutta Brendola, hanno voluto omaggiarla con un colorato un mazzo di fiori. Una sorpresa che ha fatto un grande piacere alla signora centenaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nonna Attilia originaria di San Giovanni Ilarione spegne 100 candeline

VeronaSera è in caricamento