No Tav: «Metropolitana di superficie possibile anche senza l'Alta Velocità»

Il comitato Cittadini Contro il Disastro Tav replica alle dichiarazioni dell'assessore regionale Elisa De Berti, la quale vedeva un potenziamento del trasporto pubblico locale veronese grazie all'Alta Velocità

(Foto di repertorio)

L'Alta Velocità è «un'opportunità irripetibile per dotare l'area veronese di un servizio di metropolitana di superficie che assicurerebbe un notevole potenziamento del sistema di trasporto pubblico locale». Questa l'opinione espressa dall'assessore regionale Elisa De Berti sulla Tav. Opionione ovviamente favorevole all'opera, perché secondo la De Berti i nuovi binari su cui passeranno i treni ad alta velocità libereranno i binari vecchi che potrebbero essere riutilizzati per creare un servizio metropolitano tra Peschiera del Garda e San Bonifacio interconnesso col restante trasporto pubblico.

Diversa l'opinione di Daniele Nottegar, portavoce del comitato Cittadini Contro il Disastro Tav. «A parte - scrive Nottegar - che con quello che costa un chilometro di Tav si potrebbero fare tante infrastrutture di cui il territorio ha veramente bisogno, come quella descritta dall'assessore De Berti, visto che sulla linea esistente potrebbero essere inseriti un'altra cinquantina di treni regionali per servizio metropolitano, visto che la linea non è satura».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché invece della TAV non si propone il raddoppio della linea Padana Inferiore (Piacenza-Cremona-Mantova-Nogara-Monselice) per mandarvi i treni merci? - chiede ancora Nottegar - Perché se Peschiera merita il collegamento metropolitano con Verona e la parte orientale della provincia, il servizio regionale non la serve, e i regionali sono svolti da Trenord (Regione Lombardia) con rottura di carico a Porta Nuova, per proseguire verso Est? E non vengono più operati gli Interregionali Venezia - Milano, che in anni passati erano in orario?
E, come l'assessore regionale sicuramente sa, da Mestre a Trieste non ci sarà più il Tav ma si potenzierà la linea esistente con un risparmio di 5,5 miliardi di euro che è un risparmio paragonabile a quello che può essere sulla Brescia-Padova. Sai quante opere veramente utili si potrebbero fare con 5 miliardi di euro oltre all'ipotetico collegamento metropolitano.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento