Attualità Zai / Viale del Lavoro

Rombano i motori: in Italia le fiere in presenza ripartono venerdì dal Motor Bike Expo

Il salone dedicato alle due ruote verrà inaugurato venerdì 18 e si concluderà domenica 20 giugno. Presenti oltre 250 mila aziende dislocate in 4 padiglioni espositivi e 20mila metri quadrati

Motor Bike Expo - Foto Ennevi

Il mondo della moto e il sistema fieristico nazionale ripartono da Verona. Da venerdì 18 a domenica 20 giugno, infatti, a Veronafiere va in scena Motor Bike Expo 2021: prima manifestazione di livello internazionale ad essere in programma in Italia in presenza e sicurezza, dopo più di un anno di stop causato dalla pandemia.

Il salone da 27 edizioni riunisce business e passione per le due ruote: nei 4 padiglioni espositivi e nei 20mila metri quadrati di aree esterne, oltre 250 aziende (20% estere) propongono le ultime novità in fatto di modelli di serie e pezzi unici.

Presenti le più importanti case motociclistiche: Aprilia, Benelli, BMW, Harley-Davidson, Honda, Kawasaki, Moto Guzzi, MV Agusta, Royal Enfield, SWM, Yamaha.
In esposizione tutto il meglio della grande produzione di serie, così come le più esclusive personalizzazioni, senza dimenticare l’abbigliamento, l’accessoristica, il mondo dello sport, le attività dei club e delle associazioni.
Un mercato che in Italia vale oltre 5 miliardi di euro di fatturato e che, nonostante la difficile congiuntura economica, ha fatto segnare a maggio 2021 un balzo in avanti, con 57.933 nuove moto immatricolate (+14,5% sui primi 5 mesi del 2019).

Motor Bike Expo - Foto Ennevi-3

Il panorama del custom da sempre rappresenta uno dei punti di forza della rassegna e a Motor Bike Expo i migliori customizer sono pronti a mostrare il frutto di mesi di lavoro, tracciando le linee guida delle tendenze di mercato in fatto di motociclette personalizzate.

Una fiera da visitare, ma soprattutto vivere in prima persona. Per la prima volta i biker possono entrare con le proprie moto, grazie al parcheggio gratuito allestito all’interno del quartiere.
La special edition di Motor Bike Expo 2021, con lo spostamento da gennaio a giugno, è ancora più dinamica, interattiva e orientata alle attività all’aperto. Ad iniziare dalla possibilità di testare più di cento modelli di moto messi a disposizione dalle case produttrici.

Veronafiere diventa poi anche la base di partenza di escursioni sul territorio veneto, organizzate dalla Federazione Motociclistica Italiana che ha pianificato una serie di itinerari, tutti da vivere “in sella”.
Il mototurismo è protagonista anche allo stand della Regione del Veneto, con le migliori offerte per vacanze ed escursioni fuori porta, pensate a misura di chi vive la passione delle due ruote.

Motor Bike Expo 2021 è stata presentata martedì a Veronafiere da: Maurizio Danese, presidente di Veronafiere; Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, Federico Sboarina, sindaco di Verona; Francesco Agnoletto, CEO di Motor Bike Expo; Paola Somma, marketing and sales manager di Motor Bike Expo; Nicolò Zavarise, assessore alle Attività economiche e produttive del Comune di Verona.

L’inaugurazione della manifestazione è prevista venerdì 18 giugno, alle ore 11, nel piazzale davanti al padiglione 1 di Veronafiere. Al taglio del nastro anche Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto.

Motor Bike Expo - Foto Ennevi-4

«Motor Bike Expo, in questa data speciale di giugno, ha la responsabilità di inaugurare anche la ripartenza del sistema fieristico italiano - spiega Maurizio Danese, presidente di Veronfiere - . Il Covid ha colpito duro il mondo delle fiere, fermo da oltre un anno, con perdite superiori al 70% del fatturato, ma Motor Bike Expo insegna che non si deve mollare. Oggi fare fiere in presenza e sicurezza si può e si deve fare. Lo dobbiamo alle imprese che aiutiamo nella promozione sui mercati, ma anche al territorio e ai nostri soci a cui vogliamo garantire redditività. Anche per questo ringrazio i nostri partner Francesco Agnoletto e Paola Somma, per aver sempre creduto con noi nella possibilità di organizzare a giugno una special edition fisica e di successo, così attesa da tutti gli appassionati del mondo della moto».

Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, prosegue: «Con Motor Bike Expo, Veronafiere è pronta a tornare ad accogliere aziende, operatori e visitatori, grazie al nostro protocollo safetybusiness che contiene le linee guida più aggiornate in materia di prevenzione contro il Covid19. Parliamo di biglietti esclusivamente digitali, misurazione della temperatura corporea con termoscanner agli ingressi, capienza giornaliera contingentata e sanificazione continua degli ambienti. Abbiamo inoltre attivato una rete intelligente di telecamere, in grado di individuare eventuali assembramenti, e un presidio medico per la sorveglianza sanitaria, dotato di punto tamponi e isolation-room».

È intervenuto anche Federico Sboarina, sindaco di Verona: «Motor Bike Expo, in questo particolare momento storico rappresenta per l’economia della città di Verona e dell’Italia un auspicio per la ripartenza. Il Comune, come gli altri soci, ha dato fiducia alla Fiera sottoscrivendone un importante aumento di capitale e la realizzazione di questo salone è la miglior risposta da parte del management di Veronafiere e degli organizzatori. Siamo orgogliosi perché Verona in questo weekend sale alla ribalta nazionale non solo con Motor Bike Expo, prima rassegna tornare in presenza, ma anche con la lirica in Arena, la Mille Miglia in piazza Bra e OperaWine alle Gallerie mercatali, con le eccellenze del settore vitivinicolo».

«Voglio ringraziare Veronafiere - ha detto Francesco Agnoletto, CEO di Motor Bike Expo - per aver aiutato e reso possibile questa edizione "particolare" di Motor Bike Expo, gli espositori, che hanno creduto in questa sfida, manifestando solidarietà e supporto, e la città di Verona che, attraverso il sindaco Sboarina e l'assessore al Commercio Zavarise, ha incentivato una sinergia già in atto anche con fatti concreti. I motociclisti che acquistano il biglietto di Motor Bike Expo, infatti, con un simbolico sovrapprezzo di un euro, potranno visitare musei e altri luoghi simbolo-della città».

«Motor Bike Expo rappresenta la ripartenza - ha affermato Paola Somma, marketing and sales manager di Motor Bike Expo -. Sarà la manifestazione che rimetterà in movimento il sistema fieristico, un evento per riaccendere i motori e tornare alla normalità. Siamo stati gli ultimi ad accogliere il pubblico nel gennaio 2020 e saremo i primi a riaprire il mondo della moto degli eventi internazionali. Il settore ci aspetta, entusiasta di ripartire con noi, per questo ci teniamo a ringraziare anticipatamente gli espositori che ci hanno dato fiducia e hanno creduto in questa Edizione Speciale di MBE».

Nicolò Zavarise, assessore alle Attività economiche e produttive del Comune di Verona, ha infine concluso: «La ripresa delle fiere a Verona per la nostra comunità è un orgoglio e un grandissimo risultato che la città aspettava con trepidazione. Con un passo in più: incentivare la sinergia tra la fiera e la città, valorizzando le bellezze di Verona e agevolando la ripresa delle nostre attività commerciali. Sosteniamo con forza tutte le iniziative che possano dare respiro e attenzione al patrimonio veronese, che ha attraversato un periodo di grave crisi economica. In più valorizziamo la storia e la cultura della nostra città dando la possibilità a tutti gli appassionati di motociclismo con un solo euro di visitare luoghi unici come l’Arena, il Museo di Castelvecchio, la Casa di Giulietta, il Museo degli Affreschi e il Lapidario Maffeiano».

Motor Bike Expo - Foto Ennevi-4

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rombano i motori: in Italia le fiere in presenza ripartono venerdì dal Motor Bike Expo

VeronaSera è in caricamento