rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Attualità Mezzane di Sotto / Via Fienile, 2

Mosto, vino, castagne ed una grande novità alla cantina Ilatium Morini

L'azienda vitivinicola durante la sua prima Festa del Mosto organizzata a Mezzane di Sotto ha annunciato la produzione di un nuovo Spumante Metodo Classico che andrà ad arricchire le sue etichette

Per una giornata, si sono aperte le porte dell'azienda vitivinicola Ilatium Morini, all'insegna dello stare insieme e della condivisione di mosto e castagne. La prima Festa del Mosto Ilatium Morini, organizzata a Mezzane di Sotto, è stata l’occasione per scoprire il lavoro nei campi e in cantina, un assaggio di emozioni autentiche in compagnia, brindando ad una nuova promettente annata.

Il mosto, prodotto non fermentato della pigiatura dell’uva, è stato il protagonista indiscusso di questo evento servito ai numerosi partecipanti nelle sue due succose versioni. La versione bianca, ottenuta da uve Garganega leggermente appassite sarà il futuro Soave Campo Le Calle 2021. Si tratta di un mosto fruttato, floreale, caratterizzato da un'alta acidità e sentori di appassimento. Il mosto rosso è invece ottenuto da una miscela in maggioranza Corvina e Corvinone e in parte minore Rondinella e Oseleta. Con il suo sapore di frutti rossi maturi diventerà, dopo aver passato due anni in botte, Valpolicella Superiore Campo Prognai. Entrambi sono molto dolci, ed è proprio questa dolcezza che in fermentazione sarà trasformata in alcol e struttura.

A scaldare ulteriormente l’atmosfera dell’evento sono state offerte castagne calde provenienti dai Monti Lessini per una celebrazione del territorio e delle eccellenze locali. Un gustoso intreccio a cui hanno fatto da sfondo le vigne e le colline ancora infuocate dai caldi colori autunnali.

Numerosa la partecipazione alle visite guidate durante le quali la famiglia Morini ha fatto scoprire le diverse fasi di produzione del vino accompagnando i presenti alla scoperta della cantina Ilatium, dai vigneti fino ad arrivare al caveau. Per chi ha voluto arricchire e rendere ancora più completa l’esperienza c’è stata la possibilità di partecipare ad una delle tre Wine Experience proposte nell’arco della giornata, tutte sold out. Sei calici per far conoscere ed assaporare i migliori vini Ilatium in un percorso di degustazione guidato dal sommelier Luca Morini nell’attico panoramico della cantina. Un viaggio sensoriale completo dove tutti i cinque sensi sono stati coinvolti, tra colori dell’autunno, il profumo del mosto, il calore delle castagne, il gusto del vino e i racconti della vendemmia.

In questa suggestiva location, è stata infine annunciata una grande novità: la produzione di un nuovo Spumante Metodo Classico che andrà ad arricchire, con un pizzico di bollicine in più, le etichette vini Ilatium Morini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mosto, vino, castagne ed una grande novità alla cantina Ilatium Morini

VeronaSera è in caricamento