Attualità Centro storico / Piazza Bra

Morti sul lavoro, con cinque casi in tre mesi Verona è prima in Veneto

Rispetto al primo trimestre del 2020, le morti bianchi nel Veronese sono diminuite, mentre in tutta la regione hanno avuto un leggero aumento

(Foto generica di repertorio)

Il Veneto è sesto in Italia per numero di vittime registrate sul lavoro. Rispetto allo scorso anno ci sono due decessi in più. Erano 12 tra gennaio e marzo 2020, mentre sono 14 (+17%) tra gennaio e marzo 2021. Questi i primi dati elaborati dall'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre. «Sono 11 gli infortuni mortali avvenuti in occasione di lavoro e 3 quelli in itinere - ha commentato Mauro Rossato, presidente dell'Osservatorio - Una situazione allarmante, che riguarda gli infortuni mortali registrati in occasione di lavoro, incidenti che potrebbero essere evitati con formazione e aggiornamento costanti».

MORTI BIANCHE IN VENETO NEL PRIMO TRIMESTRE 2021

Morti_Bianche_Veneto_Gennaio_Marzo 2021 tabella-2

Nella classifica regionale delle morti sul lavoro (compresi quelli in itinere) il dato peggiore arriva da Verona con 5 infortuni mortali. Seguono: Padova (4), Venezia e Treviso (2) e Vicenza 1 decesso. Rispetto a Verona, però, Padova è la provincia veneta con più decessi avvenuti durante il lavoro, quindi esclusi quelli in itinere (ovvero quelli avvenuti nel tragitto tra la casa e il posto di lavoro).
Nella classifica nazionale, in cui si tiene conto solo delle vittime in occasione di lavoro, Padova è la prima provincia veneta con 4 casi avvenuti tra gennaio e marzo di quest'anno. Ed è all'ottavo posto insieme a Bari e Bolzano.

CLASSIFICA NAZIONALE DELLE PROVINCE ITALIANE IN BASE AI MORTI SUL LAVORO TRA GENNAIO E MARZO 2021

Le denunce per infortunio in Veneto nei primi tre mesi di quest'anno sono 15.945 (+6% rispetto al 2020).

Mentre sul fronte Covid, da gennaio 2020 a marzo 2021 sono 19 decessi e 17.742 le denunce di infortunio legate al contagio. Ed è un dramma al femminile. Il 74,3% delle denunce in regione coinvolge le donne. Gli infermieri sono i lavoratori più colpiti. E Venezia è ancora la provincia veneta più coinvolta dall’emergenza con 7 vittime. Seguono: Treviso (6), Verona e Vicenza (2), Rovigo e Padova (1). A Verona, invece, la maglia nera in regione per il più elevato numero di denunce di infortunio: 4.191, seguono: Treviso (3.145), Vicenza (3.110), Padova (2.857), Venezia (2.749), Belluno (1.151), e Rovigo (539).

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti sul lavoro, con cinque casi in tre mesi Verona è prima in Veneto

VeronaSera è in caricamento