menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Morta per l'amianto sul posto di lavoro, risarciti i familiari della vittima

Anche la Corte di Cassazione ha dato torto all'azienda di Colognola ai Colli Vetrerie Riunite e alla compagnia di assicurazione. Al marito e ai due figli della vittima riconosciuto un risarcimento complessivo di 396mila euro

Un sentenza di primo grado nel 2008, una di secondo grado nel 2014 e lo scorso dicembre quella definitiva della Corte di Cassazione. Tutte e tre si sono espresse contro l'azienda di Colognola ai Colli Vetrerie Riunite e contro la compagnia di assicurazione che quindi dovranno procedere con il risarcimento dei familiari di una dipendente deceduta nel 2005 a causa dell'amianto inalato nell'ambiente di lavoro. Al marito e ai due figli della donna è stato riconosciuto un risarcimento di 132mila euro a testa, per un totale di 396mila euro.

Giampaolo Chavan su L'Arena riporta anche alcuni estratti dell'ultima sentenza emessa su di un caso partito nel 2005. I giudici hanno giudicato «significativa» la presenza di amianto sul posto di lavoro della lavoratrice che era stata assunta in Vetrerie Riunite nel 1970. E sarebbe stata l'esposizione prolungata a questa sostanza a procurare alla donna il mesotelioma pleurico, diagnosticato nel 2004. Per questa malattia, la dipendente è morta nel 2005 e, qualche giorno dopo il decesso, il marito e i figli si sono rivolti al tribunale del lavoro per chiedere il risarcimento. I giudici, in ogni grado di giudizio, hanno dato ragione ai familiari della vittima, ritenendo «ampiamente dimostrata la colpevole responsabilità dell'azienda circa la nocività dell'ambiente di lavoro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento