Cambia il regolamento per la musica a Verona, procedure più snelle

Le modifiche semplificano in modo significativo la burocrazia, in particolare per le attività musicali nei locali pubblici. E novità anche per gli eventi all'aperto

(Foto di repertorio)

Più musica nei locali e nei luoghi pubblici grazie a procedimenti più snelli, che tuttavia garantiscono l'ordine e la tranquillità dei cittadini. Vanno incontro a musicisti, gestori e appassionati di musica le modifiche approvate dalla giunta del Comune di Verona al regolamento che disciplina le attività rumorose e musicali. Con l'intento anche di dare nuovi impulsi alla vita economica e sociale veronese nella fase di ripartenza dopo l'emergenza Covid.

Le modifiche, introdotte su proposta del consigliere comunale Andrea Velardi, semplificano in modo significativo i procedimenti amministrativi, in particolare per le attività musicali nei locali pubblici che possono fare musica fino alle 23, per dodici eventi all’anno. Per questi casi è sufficiente un'autorizzazione che è gratuita e immediata, senza necessità di istruttoria da parte degli uffici comunali.

Novità anche per gli eventi all'aperto, come concerti, spettacoli, ma anche feste popolari e sagre. Per questi, i giorni consecutivi disponibili passano da 15 a 30, mentre per altri siti non ci sono più limiti temporali ma solo di orario. Beneficiano di tale apertura Forte San Procolo, l'area del parco della Cultura Urbana in via Galliano, il parco comunale area San Martino, parco San Giacomo, Forte Santa Caterina, Forte Gisella e i Giardini Cantori Veronesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Andiamo incontro alle esigenze dei gestori di locali e attività per i quali la possibilità di avare musica è un valore aggiunto - ha spiegato l'assessore all'ambiente Ilaria Segala - Ma pensiamo anche a tutti gli artisti e i musicisti fortemente penalizzati durante l'emergenza sanitaria, che ora possono tornare a lavorare ed esibirsi soprattutto all'aperto. Le modifiche al regolamento non cambiano nulla rispetto alla tutela dei cittadini, anche in termini di inquinamento acustico, ma semplificano le procedure e le rendono molto più veloci».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento