Dal ministero un milione di euro per potenziare le strutture tecnologiche dell'ateneo di Verona

Una parte rilevante dei soldi sarà destinato alla dotazione delle aule, aumentando da 25 a 100 quelle che consentiranno i collegamenti in streaming e le videoregistrazioni delle lezioni

Aula università di Verona

Un fondo destinato agli Atenei per il potenziamento delle infrastrutture tecnologiche: in questo modo, il ministero dell’Università e della Ricerca ha voluto cofinanziare gli interventi necessari per affrontare le difficoltà legate all’emergenza Covid-19. All’università di Verona sono stati assegnati oltre 990.000 euro, che il Magnifico Rettore Pier Francesco Nocini ha deciso di destinare al miglioramento delle infrastrutture e delle strumentazioni digitali, per fornire servizi e strumenti formativi a studentesse e studenti dell’ateneo. Una parte rilevante del fondo assegnato sarà destinato alla dotazione delle aule, aumentando da 25 a 100 quelle che consentiranno i collegamenti in streaming e le videoregistrazioni.

Altri interventi strutturali saranno rivolti ad ampliare le postazioni destinate alle attività laboratoristiche, in presenza e a distanza, portandole dalle attuali 500 ad almeno 700. Un ulteriore obiettivo a sostegno della didattica sarà volto all’ampliamento delle licenze per accedere a risorse digitali, prevedendo l’aumento dell’offerta di manuali in formato eBook, di riviste scientifiche e di banche dati specialistiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto questo si pone in linea con le iniziative già intraprese dall’ateneo per consentire un ritorno alle normali attività didattiche, nel rispetto di tutte le misure di prevenzione previste dalle disposizioni nazionali e regionali, come la riapertura delle sale studio delle biblioteche già in essere dal 23 giugno, così promuovendo concretamente il diritto allo studio e tenendo sempre in debita considerazione le esigenze di studentesse e studenti con disabilità o con disturbi specifici dell’apprendimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Innamorata di un ragazzo, genitori non approvano e la tengono chiusa in casa

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 25 al 27 settembre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento