Da Megareti, un opuscolo anti-truffe e per un uso sicuro del gas in casa

La società del gruppo Agsm ha avviato una campagna di informazione con un duplice obiettivo, evitare gli incidenti domestici ma anche le truffe ai danni dei cittadini

Fornelli del gas (Foto di repertorio)

Un opuscolo con precauzioni e consigli per l'uso sicuro del gas in casa. E un appello: non aprire a nessun sedicente incaricato.
Megareti ha avviato una campagna di informazione con un duplice obiettivo, evitare gli incidenti domestici ma anche le truffe ai danni dei cittadini. Il messaggio è chiaro: nessun operatore dell'azienda chiede di visionare bollette, di essere pagato o di controllare eventuali perdite o valvole termostatiche.

Il personale di Megareti, società del gruppo Agsm che si occupa della gestione del servizio di distribuzione e misura del gas e dell'energia elettrica, sta sostituendo i contatori nelle case costruite prima degli anni '80. Ma gli interessati sono avvisati per tempo. Un mese prima, infatti, viene inviata una lettera per avvisare del cambio e, tre giorni prima, viene affisso all'interno o all'esterno del condominio uno specifico avviso. Il personale è munito di divisa e tesserino di riconoscimento e si limita ad intervenire sul contatore.

Vogliamo sensibilizzare le persone e in particolare gli anziani affinchè sappiano come utilizzare al meglio il gas in casa, evitando di mettere in pericolo la loro vita e il loro stabile, e soprattutto come comportarsi di fronte a possibili truffe - ha dichiarato l'assessore ai servizi sociali di Verona Stefano Bertacco - Diverse sono le segnalazioni di persone che suonano di casa in casa fingendosi addetti alla verifica di impianti o valvole.

«Gli operatori di Megareti non entrano mai in casa - ha spiegato poi il presidente di Megareti Alessandro Montagna - se non per sostituire il contatore, dopo averlo segnalato per tempo al cittadino interessato. Allo stesso tempo abbiamo deciso di stampare questo opuscolo, tradotto in cinque lingue, che andrà distribuito in tutta la città. Tenendolo in casa sarà facile ricordare quelle che sono le buone pratiche da rispettare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il libretto, in italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo, ricorda che sono vietati gli interventi fai da te sull'impianto del gas; che tubi flessibili non metallici vanno cambiati ogni cinque anni, mentre i dispositivi devono essere controllati periodicamente; così come che i locali in cui sono presenti apparecchiature che scaricano i prodotti della combustione devono essere adeguatamente aerati.
Nell’opuscolo si trovano anche le precauzioni da prendere se si avverte odore di gas: aprire porte e finestre, non usare fiammiferi o accendini, non azionare interruttori elettrici, chiudere i rubinetti del gas e chiamare immediatamente il pronto intervento.
Il numero verde 800.107590 è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Nuovi casi positivi al coronavirus nel territorio veronese: tutti i Comuni di appartenenza

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento