Medici di Pronto Soccorso: 8 specialisti per 90 posti vuoti in Veneto

Sono delle «mosche bianche», anche se Azienda Zero reitera il concorso per coprire le richieste avanzate dalle Ulss. Nel Veronese assegnati uno specializzato e sei specializzandi

(Foto di repertorio)

Continua la caccia ai camici bianchi che restano introvabili nonostante gli sforzi fatti da Azienda Zero.

I medici di Pronto Soccorso rimangono «mosche bianche» anche se Azienda Zero reitera il concorso per coprire le richieste avanzate dalle Ulss. Il problema non cambia: rispetto ai 90 posti richiesti dai direttori generali, sono giunte 55 domande, di queste 26 riferite a medici che frequentano l'ultimo anno di specialità (medici non specializzati e che pertanto non possono essere assunti stante l'attuale normativa nazionale), 10 di medici che non possiedono i requisiti per svolgere l'attività nei Pronto Soccorso ed i restanti 19 medici specializzati. Alle prove si sono presentati in 33 candidati (rispetto ai 45 ammessi a partecipare alle prove) e le graduatorie finali si sono concluse con 8 medici specialisti.
La deliberazione che approva le graduatorie finali per conto delle Ulss venete è stata firmata e all'Ulss 9 (che aveva richiesto 10 medici) è stato collocato uno specializzando, mentre l'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona aveva richiesto 4 medici e in graduatoria si sono collocati uno specializzato e cinque specializzandi. Dunque l'Azienda di Verona vedrebbe soddisfatte le proprie richieste, fermo restando che gli specializzandi potranno prendere servizio in relazione alla conclusione del loro percorso formativo.

Si sono svolte, inoltre, le prove del concorso per medici di Chirurgia Toracica, alle quali erano presenti cinque candidati su sei domande pervenute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E tra le delibere di approvazione delle graduatorie firmate vi è anche la delibera di chiusura del concorsone per operatori socio-sanitari. Il concorso si è concluso con undici graduatorie, che hanno validità per tre anni, con complessivi 4.239 idonei rispetto ai 312 posti richiesti dai direttori generali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento