menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sopralluogo avvenuto lunedì

Il sopralluogo avvenuto lunedì

Dopo 25 anni il marciapiede tra via Torbido e corso Venezia "raddoppia"

«Si tratta di un lavoro che, per il Covid e la necessità di intervenire prima in altre zone della città, è stato posticipato di qualche mese ma che avevamo tra le priorità del 2020», ha detto l'assessore Marco Padovani

Allargato e messo in sicurezza. L’ultimo tratto di marciapiede di via Torbido a Verona, quello in prossimità dell’incrocio con corso Venezia, raddoppia in larghezza e, finalmente, anche le carrozzine potranno passare. Gli operai sono al lavoro, presto verrà gettato il cemento, ripristinando così la viabilità delle auto e rendendo già percorribile il tratto pedonale. Le ultime rifiniture verranno poi eseguite con l’anno nuovo e l’asfaltatura finale in primavera, quando le temperature consentiranno di realizzare un lavoro durevole nel tempo.

Il tratto di marciapiede, lungo circa 150 metri, costeggia una strada trafficata e, fino a qualche settimana fa, costringeva i pedoni a passare in soli 42 centimetri, tra le macchine a sinistra e il muretto a destra. Realizzato 25 anni fa, non era stato poi allargato e messo a norma. Ora, invece, nei tratti più stretti il marciapiede sarà largo almeno un metro, consentendo il passaggio delle persone in tutta sicurezza. L’intervento ha un costo di circa 25 mila euro.

Lunedì mattina, sul cantiere, l’assessore alle Strade Marco Padovani si è accertato che le tempistiche dei lavori vengano rispettate. Un bel regalo di Natale anche se, viste le limitazioni e il lockdown, verrà sfruttato una volta terminate le feste.

«Come avevamo promesso ai residenti di questa zona e alle attività commerciali, dopo 25 anni il marciapiede viene finalmente allargato – ha detto Padovani -. E il passaggio dei pedoni messo in sicurezza. Si tratta di un lavoro che, per il Covid e la necessità di intervenire prima in altre zone della città, è stato posticipato di qualche mese ma che avevamo tra le priorità del 2020. Sono diverse infatti le persone che utilizzano questo tratto pedonale per arrivare lungo l’asse di viale Venezia, era necessario garantire che il passaggio fosse sicuro e a norma. Ora sarà percorribile anche dalle persone con disabilità motoria e dalle mamme con passeggini e carrozzine».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Veneto in area "rosso scuro" per l'Europa. Zaia: «Dati fuorvianti»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento