menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Albero sul tetto di Castelvecchio

Albero sul tetto di Castelvecchio

Maltempo, 360mila euro di danni agli edifici monumentali di Verona

L'assessore ai lavori pubblici Luca Zanotto: «In fase di ripristino anche la segnaletica stradale, sia orizzontale che verticale, rimasta danneggiata in molte parti della città, con costi per migliaia di euro»

Supera i 360mila euro la conta dei danni subiti da 22 edifici monumentali, tra cui musei e palazzi di Verona, a causa del nubifragio dello scorso 23 agosto. Fra tutti spiccano i quasi 130mila euro di costi per il ripristino di parte della copertura del tetto di Castelvecchio, gravemente lesionato dalla caduta di un albero. Per i restanti danneggiamenti si tratta, in particolar modo, di interventi volti alla sostituzione e sistemazione di vetri ed infissi, andati rotti in molte delle strutture museali cittadine, alla Gran Guardia e a Palazzo Barbieri; alla sistemazione di parapetti, coppi smossi, coperture, pavimentazione interna ed impiantistica.
Un piano d'intervento scattato immediatamente che, già nei primi giorni successivi al nubifragio, dopo il taglio delle piante cadute rovinosamente sugli edifici, ha portato alla messa in sicurezza di tutte le parti lesionate e alla verifica dei danni riportati in ambito di edilizia monumentale, civile e impiantistica.

Fra i 22 edifici danneggiati i più colpiti ci sono: Castelvecchio (copertura e vetri per un costo di quasi 140mila euro); Teatro Romano (copertura loggetta ‘Grande terrazza’, pavimentazione, camminamenti e ripristino parapetto piazzetta Martiri per 24.194 euro); Castello di Montorio (copertura in piombo divelta per 20.634 euro); Palazzo della Ragione (coppi smossi e vetri per 16mila euro); Palazzo Pompei (finestre, vetri, coppi e sistemazione parquet per 12.400 euro); Biblioteca civica (vetri, coppi, sistemazione parquet e impianti per 10.200 euro); Palazzo Barbieri (vetri, coppi ed impianti per 9mila euro); Museo Maffeiano (sistemazione pavimenti per 5.600 euro); Arsenale (vetri, ripristino murature e impianti per 6.195 euro); Gran Guardia (vetri e sistemazione parquet per circa 5mila euro).

«Le verifiche effettuate su tutti i musei, palazzi e monumenti colpiti porta ad un saldo di oltre 360mila euro di danni - ha commentato l'assessore ai lavori pubblici Luca Zanotto - Immediati, già nei giorni successivi al nubifragio, i primi interventi per la messa in sicurezza e i lavori di risistemazione che, vista la lieve entità, non necessitano di iter progettuale da parte degli uffici tecnici comunali. Pieno supporto e collaborazione dalla Soprintendenza, costantemente aggiornata su tutte le azioni in fase d’opera da parte del Comune. Siamo così riusciti, nonostante le difficoltà dettate dai numerosi danni registrati, ad intervenire in tempi rapidi. Anche se in molti casi si tratta di danneggiamenti minori, la sistemazione non può essere rimandata nel tempo. Si rischierebbe solo di aggravare lo stato dell’immobile e di accrescere i costi per la sua sistemazione. In fase di ripristino anche la segnaletica stradale, sia orizzontale che verticale, rimasta danneggiata in molte parti della città, con costi per migliaia di euro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento