Magalini trasformato in ospedale Covid, attività progressivamente sospese

Già il pronto soccorso della struttura di Villafranca è stato trasformato in un punto di primo intervento quasi del tutto dedicato ai positivi al coronavirus. Ma il punto nascite per ora rimane

Magalini (Foto di repertorio)

Per presidente della Regione Veneto Luca Zaia non c'erano alternative. «È necessario riaprire i Covid Hospital», aveva detto venerdì scorso, 30 ottobre. Ed oggi l'ospedale Covid di riferimento per la provincia di Verona è stato attivato. E come per l'emergenza avuta nella primavera scorsa, la struttura scelta per la riconversione è il Magalini di Villafranca.

L'ospedale villafranchese andrà in modo progressivo a sospendere alcune attività. Già il pronto soccorso è stato trasformato in un punto di primo intervento quasi del tutto dedicato ai positivi al coronavirus. «I pazienti che accederanno al punto di primo intervento non trasportati dalle ambulanze del 118, verranno gestiti in percorsi distinti dai percorsi Covid e, sulla base dell'emergenza sanitaria presentata, se non dimissibili, verranno trasferiti in altri ospedali - ha spiegato l'Ulss 9 Scaligera - L'attività ambulatoriale potrà avere una riduzione che si valuterà se potrà essere in parte compensata con l'aumento di prestazioni in altre sedi. Rimane confermata l'apertura del punto nascite cui si potrà accedere dalla porta principale del Magalini previ i controlli previsti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

Torna su
VeronaSera è in caricamento