rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità Centro storico / Piazza Cittadella

Morto durante alternanza scuola-lavoro, studenti veronesi in piazza

Rete degli Studenti Medi e Udu hanno manifestato in Piazza Cittadella a una settimana dalla morte di Lorenzo Parelli, il 18enne deceduto nell'ultimo giorno del suo stage in fabbrica in provincia di Udine

«Questa alternanza scuola-lavoro non è scuola e non è lavoro». Questo è il messaggio inviato ieri, 28 gennaio, dalla Rete degli Studenti Medi attraverso una mobilitazione nazionale organizzata a una settimana dalla morte di Lorenzo Parelli, giovane studente travolto da una putrella in acciaio nell'ultimo giorno del suo stage in fabbrica, alla Burimec di Lauzacco, a Pavia di Udine.

Anche a Verona, la Rete degli Studenti Medi, insieme a Udu, è scesa in Piazza Cittadella ieri alle 15 per ricordare Lorenzo Parelli e tutti coloro che hanno perso la vita sul posto di lavoro. «E per denunciare la sistematica assenza di tutele che ci vede ancora in troppi a perdere la vita ingiustamente - ha dichiarato Camilla Velotta, coordinatrice della Rete degli Studenti Medi di Verona - Abbiamo deciso di mandare un messaggio di vicinanza come città e studenti di Verona: stiamo sentendo particolarmente il peso di questo lutto e in tanti ci siamo mobilitati per costruire un presidio di cordoglio e solidarietà anche da parte della nostra città. Episodi come questo ci consegnano un riflesso drammatico della situazione scolastica e lavorativa del nostro Paese, è necessario ora più che mai invertire la rotta e costruire nuove tutele per noi studenti e per i lavoratori. Non vogliamo altre morti».

manifestazione studenti alternanza scuola-lavoro-2

«Come realtà studentesca cittadina non possiamo rimanere in silenzio quando a perdere la vita in un percorso duale scuola-lavoro è un nostro coetaneo - ha aggiunto Laura Bergamin, coordinatrice dell'Unione degli Universitari di Verona - Perdere la vita mentre si lavora non è tollerabile, e quando accade a un ragazzo di 18 anni all'interno del suo percorso di studi bisogna sentire la responsabilità di prendere una posizione e unire le voci».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto durante alternanza scuola-lavoro, studenti veronesi in piazza

VeronaSera è in caricamento