A scuola in presenza la domenica, l'idea della ministra De Micheli. Donazzan: «Strampalata»

L'Ass. regionale all'Istruzione Elena Donazzan: «Diamoci un po' di contegno e ripartiamo dopo le vacanze natalizie. Chissà che il Santo Natale illumini le menti di questo esecutivo»

Bus affollato nel Veronese

«Credo sia necessario fare lezioni in presenza anche il sabato». E la domenica? «Siamo in emergenza e bisogna far cadere ogni tabù. Anche gli orari delle attività produttive dovranno essere cadenzati». Così si sarebbe espressa la ministra dei Trasporti Paola De Micheli nel corso di un'intervista, che ha poi fatto molto discutere proprio su questo punto, rilasciata al quotidiano La Repubblica. In sostanza, la ministra dei Trasporti, oltre ad evocare la riapertura delle scuole già ai primi di dicembre, cosa in realtà assai improbabile per non dire oramai esclusa, avrebbe anche sostenuto che nessuno le ha mai presentato «uno studio» in grado di sostenere che siano stati i trasporti pubblici locali uno dei maggiori vettori per il contagio e la diffusione del virus. Peccato che al riguardo basterebbe affidarsi agli occhi ed osservare la realtà che ci circonda, perché se il nemico giurato dell'umanità ai tempi della pandemia da Covid-19 sono gli "assembramenti" e gli "affollamenti", ebbene, non vi sono luoghi diversi dai trasporti pubblici dove questi ultimi si sono maggiormente verificati: vedere per credere.

Ad ogni modo, sul tema è intervenuta dalle terre venete l'assesore regionale all'Istruzione Elena Donazzan, la quale come d'abitudine non si è tirata indietro e ha duramente criticato le esternazioni della ministra De Micheli: «Peccato che il ministro De Micheli sia ministro ai Trasporti e non all’Istruzione. Ed è proprio ai trasporti che dovrebbe guardare, visto gli assembramenti che ancora oggi i cittadini segnalano sui mezzi di trasporto pubblici». Con queste parole, dunque, l’assessore regionale all’Istruzione della Regione Veneto Elena Donazzan ha commentato la recente proposta della ministra ai Trasporti Paola De Micheli che avrebbe appunto avanzato l'idea di tenere nelle scuole le lezioni in presenza il sabato e la domenica, per scaglionare così gli studenti sui mezzi di trasporto.

L'assessore Elena Donazzan-2-2

Ass. Elena Donazzan

«Speriamo - ha aggiunto l'Ass. Elena Donazzan - che siano finite le tante "buone idee" per la scuola proposte oramai da ogni ministro di questo Governo. La scuola ha bisogno di serenità e di stabilità. Ricordo che a maggio scorso, nell'ambito di un quadro epidemiologico nettamente meno complesso dell'attuale, il Governo impedì ogni forma di lezione in presenza: ora, nel bel mezzo di una fase comunque critica, vuole tutti gli studenti in classe senza prima però risolvere il problema dei trasporti». 

«L’ultima buona idea del Ministro dei Trasporti, - ha poi concluso l’assessore regionale all'Istruzione Elena Donazzan - quella di far girare gli autobus il sabato e la domenica per far andare gli studenti a scuola, mi sembra una proposta alquanto strampalata. Diamoci un po' di contegno e un punto fermo: ripartiamo dopo le vacanze natalizie con maggior logica, che mi pare manchi, e qualche certezza in più per famiglie e docenti. Chissà che il Santo Natale illumini le menti di questo esecutivo».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

Torna su
VeronaSera è in caricamento