menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli dell'Arpav sul Lago di Garda (Foto di repertorio)

Controlli dell'Arpav sul Lago di Garda (Foto di repertorio)

Acque del Lago di Garda, tutti balneabili i punti controllati da Arpav

I controlli effettuati prevedono rilievi su parametri di natura ambientale ed ispezioni di natura visiva. I risultati delle analisi sono anche inseriti nel «Portale acque di balneazione» del Ministero della salute

«Attraverso l'Arpav e in collaborazione con la Guardia Costiera, anche in questo periodo abbiamo assicurato i controlli sulla qualità delle acque di balneazione con campionamenti mensili che continueremo anche durante tutta la stagione balneare». Questo afferma l'assessore regionale all'ambiente Gianpaolo Bottacin annunciando i risultati della campagna di controlli che si è svolta dall'11 al 13 maggio e che ha confermato l'idoneità di 173 punti monitorati, tra cui tutti quelli del Lago di Garda. I controlli effettuati prevedono rilievi su parametri di natura ambientale ed ispezioni di natura visiva. I risultati delle analisi sono pubblicati sul sito di Arpav e sono anche inseriti nel «Portale acque di balneazione» del Ministero della salute.
Sui siti è anche possibile consultare il «profilo delle acque di balneazione», una scheda dettagliata dell'area balneare che riporta una serie di informazioni utili per il cittadino e per il turista, come la conformazione fisico-geografica dell'area, la facilità di accesso al mare, l'eventuale presenza di lido attrezzato, la possibilità di accesso per gli animali.
«Sulla base della classificazione effettuata alla fine della scorsa stagione balneare - ha aggiunto Bottacin - su 174 acque di balneazione controllate, ben 165, ovvero il 95% del totale, hanno ottenuto la classificazione di eccellente, 5 buono e 3 sufficiente. Certamente un'ottima notizia, ora che piano piano ci si appresta all'avvio della stagione balneare dopo un periodo particolarmente difficile».

Il programma di controlli è approvato ogni anno dalla Regione del Veneto che delibera una classificazione basata sui dati dei quattro anni precedenti. Solo un punto, all'interno del lago Centro Cadore, nello specifico quello di località «Vallesella casette» ha avuto un livello scarso e sarà temporaneamente vietato per la stagione balneare 2020, ma comunque verrà monitorato. «Già nei prossimi giorni, tra il 25 e il 27 maggio - ha precisato l'assessore all'ambiente - effettueremo una nuova campagna di monitoraggio. Globalmente per il 2020 sono 1.044 i campioni programmati per un totale di 2.088 analisi, oltre ad eventuali campioni aggiuntivi che saranno effettuati in caso di riscontro di campioni anomali per verificare la persistenza o meno del fenomeno inquinante e identificarne le cause. Ricordo infine che per rendere disponibili ovunque e con immediatezza le informazioni sulla qualità delle acque di balneazione, la nostra agenzia ha realizzato anche una specifica app denominata "Arpav balneazione" per smartphone, scaricabile dal sito e dalle piattaforme specifiche di ciascun sistema operativo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento