Attualità Lungolago Roma

Lago di Garda senza plastica, sfida lanciata anche alla sponda veronese

La rete di imprese Garda Green ha organizzato «Prua a dritta verso il 2020» due giornate di confronto sulla tematica «plastic free» con il patrocinio del Consiglio di Bacino Verona Nord

Plastica sulla spiaggia (Foto generica di repertorio)

Dopo aver dato supporto logistico e tecnico all'operazione «Goletta dei Laghi» di Legambiente, la rete di imprese Garda Green ha organizzato, con il patrocinio del Consiglio di Bacino Verona Nord, due giornate di confronto sulla tematica «plastic free» e quindi sulla possibilità di un Lago di Garda senza plastica. 

La due giorni ha come titolo «Prua a dritta verso il 2020» e coinvolge sia la sponda bresciana che quella veronese. L'iniziativa è iniziata lunedì scorso, 29 luglio, con una barca a vela utilizzata per il monitoraggio delle microplastiche che è salpata da Toscolano Maderno alla volta di Malcesine. L'imbarcazione ha toccato tutti i comuni del Garda veronese per coinvolgerli nella sfida ambientale contro la plastica. Sono stati invitati i sindaci e gli assessori all'ecologia e al turismo di ogni Comune, oltre ai rappresentanti delle categorie degli albergatori e dei ristoratori, per discutere le soluzioni da adottare, già dal prossimo anno, per un Lago di Garda plastic free.
La seconda giornata di «Prua a dritta verso il 2020» sarà il 5 agosto, con partenza da Bardolino a bordo di una barca completamente elettrica diretta a Lazise. Sul natante su svolgerà un dibattito sulla salute del lago.

L'iniziativa avrà, infine, una coda ad ottobre con il convegno dal titolo «Turismo, Ambiente e Territorio» in cui saranno presentate le soluzioni e le strategie condivise.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Garda senza plastica, sfida lanciata anche alla sponda veronese

VeronaSera è in caricamento