menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La parte di Via Ponte Pietra che potrebbe essere pedonalizzata (Foto Gmaps)

La parte di Via Ponte Pietra che potrebbe essere pedonalizzata (Foto Gmaps)

Via Ponte Pietra pedonalizzata. «Solo un'ipotesi, nessun provvedimento preso»

L'associazione dei residenti del centro storico di Verona non è contraria alle pedonalizzazioni «a condizione che vengano inserite in un piano generale della mobilità». Sboarina: «Eventuale pedonalizzazione di Via Ponte Pietra usata come caso di scuola»

Un'ipotesi presentata insieme alle varie iniziative del Comune di Verona per permettere ai locali di avere o di ampliare i plateatici. Iniziative pensate perché bar e ristoranti possono servire i clienti solo all'aperto in questo periodo e quindi l'amministrazione intende aiutarli concedendo loro più spazio dove sistemare sedie e tavoli. L'ipotesi è quella di pedonalizzare una porzione di Via Ponte Pietra, dove di locali ce ne sono tanti e dove quindi sono tante le aree occupate dai plateatici. Per una questione di sicurezza, è stato pensato di chiudere al traffico veicolare il tratto della via tra la fine di Piazza Brolio e Piazza Brà Molinari.

La possibile modifica alla viabilità ha attivato VeroCentro, l'associazione dei residenti del centro storico di Verona con cui il Comune si sta confrontando. Michele Abrescia, presidente di VeroCentro, ha commentato: «Abbiamo sempre rappresentato l'esigenza che ogni modifica tenga conto della esigenza di tutelare la sicurezza, l'accessibilità e la qualità della vita dei residenti, ricevendo assicurazioni. In linea generale non siamo contrari a proposte di pedonalizzazione, ma a condizione che vengano inserite in un piano generale della mobilità in centro storico, ispirato all'obiettivo di ridurre il traffico veicolare in tutta la zona antica della città, evitando il parcheggio selvaggio nella zona a traffico limitato e nei quartieri limitrofi. Come residenti siamo pronti a fare la nostra parte».

L'amministrazione comunale ha voluto specificare, comunque, che la pedonalizzazione di Via Ponte Pietra è solo un'eventualità su cui si sta riflettendo. Ancora non è stato preso alcun provvedimento. «L'eventuale pedonalizzazione di Via Ponte Pietra è stata usata come caso di scuola, un'ipotesi all'interno di un progetto generale sulla razionalizzazione delle strade del centro storico e del loro utilizzo, nell'ottica di trovare il migliore equilibrio tra le mutate esigenze dei nostri bar e ristoranti, che ora necessitano di maggiori spazi all’aperto, dei residenti ma anche per una migliore vivibilità del nostro centro», ha dichiarato il sindaco Federico Sboarina, il quale però è stato attaccato dal consigliere comunale di Traguardi Tommaso Ferrari: «La pedonalizzazione di Via Ponte Pietra è lo specchio del modo di fare dell'attuale maggioranza, che si concentrata solo ed esclusivamente su soluzioni spot. Siamo favorevoli ai plateatici extra e al dare maggiori opportunità ai commercianti, ma proprio perché ci aspettano mesi, probabilmente anni in cui la gente si sentirà più sicura a stare all'aperto, dobbiamo cogliere l'occasione per ripensare il modo di vivere il centro storico di Verona, garantendo strade sicure e sempre più libere dalle auto anche grazie a convenzioni, favorevoli per i residenti, con i parcheggi limitrofi al centro. Anche perché è sicuramente più bello passeggiare fra vie popolate da tavolini, che in una coltre di auto parcheggiate. Il tutto deve passare da soluzioni integrate e coordinate da un tavolo tecnico che riunisca amministrazione, residenti ed esercenti, e non da interventi a macchia di leopardo com'è avvenuto in questi anni, durante i quali non è stato fatto nulla per le pedonalizzazioni in centro storico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento