menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei post su Facebook di Francesco de Cicco

Uno dei post su Facebook di Francesco de Cicco

Assessore cosentino: "Veronesi razzisti". Sboarina: "Insulti inaccettabili"

Dopo l'annullamento della partita tra Cosenza ed Hellas Verona per il campo non praticabile, l'assessore calabrese Francesco De Cicco ha dichiarato di essere stato offeso da alcuni tifosi gialloblu

Più che insultare i cittadini di un'altra città, un amministratore dovrebbe preoccuparsi di fare quello che richiede il suo compito, e cioè fare in modo che sabato il campo del Cosenza fosse a posto per giocare la partita con l’Hellas Verona.

Il sindaco di Verona Federico Sboarina ha difeso con queste parole i suoi concittadini dopo aver letto alcuni post pubblicati su Facebook da Francesco De Cicco, assessore del Comune di Cosenza. Durante la scorsa settimana, l'assessore De Cicco si è esposto molto, assicurando che la partita tra il Cosenza e l'Hellas Verona sabato 1 settembre si sarebbe giocata. Il campo dello stadio calabrese non è stato ritenuto idoneo e per questo l'incontro è stato annullato. Il club gialloblu ha espresso la propria delusione per voce del presidente Setti, ma pare che qualche tifoso abbia preso di mira l'assessore De Cicco, o almeno così lui ha scritto su Facebook quando ha definito razzisti i veronesi. "Sono stato riempito di insulti e offese da parte di tifosi veronesi - ha scritto l'assessore cosentino sul social network - La loro voglia di vincere la partita a tavolino senza giocarla era troppo forte. Avevano paura del risultato del campo, quel campo che probabilmente non era perfetto come un campo da golf, ma non era nemmeno del tutto impraticabile".

Non accetto da nessuno che a Verona e ai veronesi vengano affibbiate accuse di razzismo - ha detto Sboarina - Parole inaccettabili, tanto più da chi lo fa magari per spostare l'attenzione dal fatto vero, e cioè che il campo di calcio era inagibile e per questa ragione la partita non è stata disputata. Chi ricopre cariche pubbliche dovrebbe sapere che le parole in libertà possono essere pericolose e quindi dovrebbe avere comportamenti adeguati al ruolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento