rotate-mobile
Attualità Legnago / Via Argine

Discarica di Torretta. "Falda a rischio, arsenico e ferro oltre i limiti"

La discarica si trova nell'alveo del vecchio fiume Tartaro, al confine tra la provincia di Verona e quella di Rovigo, ed è stata l'argomento di un convegno organizzato da alcuni gruppi ambientalisti

Venerdì sera, 5 ottobre, a Bergantino, in provincia di Rovigo, si è tenuto un convegno sulla discarica di Torretta, discarica situata nell'alveo del vecchio fiume Tartaro, al confine tra la provincia di Verona e quella di Rovigo. L'evento è stato organizzato da alcuni gruppi ambientalisti ed è stato moderato dal giornalista Marco Milioni. Tre i relatori, il deputato mantovano del M5S Alberto Zolezzi, il consulente ambientale Francesco Basso e il consulente scientifico in materia ambientale Marina Lecis.

Proprio Marina Lecis ha condotto uno studio sulla discarica e ne ha mostrato i risultati durante il convegno. Come si legge su VicenzaToday, lo studio condotto da Lecis ha mostrato nelle vicinanze della discarica la presenza oltre la soglia consentita di sostanze come ferro ed arsenico nelle acque della falda e in quelle utilizzate per l'irrigazione. Nella falda, ha poi aggiunto Lecis, è stata trovata nell'acqua una quantità importante di Pfas e di cobalto.

Inoltre durante la serata è intervenuto anche il sindaco di Castelnuovo Bariano, comune del rodigino toccato dalla discarica. Il primo cittadino Massimo Biancardi aveva presentato un esposto alla procura scaligera e inizialmente sembrava che il tutto venisse archiviato per il mancato riscontro di elementi penalmente rilevanti. Il giudice per le indagini preliminari ha però deciso per un supplemento d'indagine. La magistratura veronese vuole dunque continuare ad indagare su di una discarica che alcuni definiscono una bomba ecologica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica di Torretta. "Falda a rischio, arsenico e ferro oltre i limiti"

VeronaSera è in caricamento