Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Cantiere infinito al Saval. Inquilini Agec trattati come cittadini di Serie B»

È Federico Benini, capogruppo in consiglio comunale a Verona per il Partito Democratico, a commentare la situazione dei condomini di via Dandolo e via Maddalena, puntando il dito contro l'amministrazione comunale

 

«Grazie anche anche ai nostri solleciti, richiamati all’interno di alcuni ordini di servizio, Agec è finalmente riuscita ad ottenere dalla Saggese Spa, la ditta appaltatrice dei lavori per la riqualificazione energetica dei condomini Agec di via Dandolo e via Maddalena, la pulizia delle aree comuni. Una liberazione per gli inquilini dei due caseggiati Agec, che da mesi assistevano impotenti a spazi condominiali impraticabili, ricoperti di detriti e sporcizia».

È Federico Benini, capogruppo in consiglio comunale a Verona per il Partito Democratico, ad attaccare la maggioranza di Palazzo Barbieri sugli stabili Agec di via Dandolo e via Maddalena, nel quartiere del Saval. 

sporcizia fino a ieri-2-2
foto benini-2

«Non risultano novità apprezzabili, invece, per quanto riguarda la fine di questo cantiere infinito, la cui data di consegna è ulteriormente slittata a fine settembre 2020 - prosegue Benini: le impalcature che avvolgono i condomini da ormai due anni, sono ancora lì, rappresentando un rischio oggettivo per la sicurezza dei condomini, soprattutto se il cantiere è (o appare) semi-abbandonato. Il cappotto termico risulta essere stato posato, non è chiara invece la situazione dei nuovi infissi compresi nell’appalto.
Dal carteggio tra Agec e Saggese Spa, recentemente acquisito, emerge una situazione imbarazzante e grave: dal giugno 2019 Agec risulta aver emesso ben otto ordini di servizio, tutti tesi a richiamare la ditta al rispetto del cronoprogramma concordato. E pensare che, secondo quanto affermato nel giugno 2019 dall’amministrazione comunale, il cantiere avrebbe dovuto concludersi ad ottobre 2019! In realtà nel corso del settembre dello stesso anno, la Saggese Spa aveva fatto richiesta di una proroga di ben 150 giorni. A giustificazione dei ritardi si richiamavano le avverse condizioni meteo, la pioggia, il caldo eccessivo e perfino il guano di piccione che avrebbe reso inaccessibili alcuni terrazzini del condominio...
L’ultimo ordine di servizio di Agec, datato 29 luglio 2020, riporta testualmente: “In occasione del medesimo sopralluogo si è rilevato che l’andamento delle lavorazioni continua a procedere non adeguatamente alle modalità che il termine ultimo contrattuale dei lavori, previsto per il 27/09/2020, imporrebbe”.
Personalmente resto convinto che se si trattasse della casa del Sindaco Sboarina, del vicesindaco Zanotto, dell’ex Ministro Lorenzo Fontana o di chiunque altro alto papavero che era presente all’inaugurazione in pompa magna del cantiere di via Dandolo e via Maddalena a fine gennaio 2019, mezzo consiglio comunale si sarebbe già mosso per ottenere una accelerazione dei lavori. Ma si tratta “soltanto” degli inquilini delle case popolari, che questa amministrazione tratta come cittadini di serie B».

sporcizia fino a ieri-3-2
sporcizia fino a ieri-1-2

Ordine di servizio Agec giugno 2019

Sollecito luglio 2020

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento