Attualità Centro storico / Corso Cavour

Infortuni sul lavoro per Covid-19, Verona peggior provincia del Veneto

Nei primi sei mesi dell'anno sono state 4.151 le denunce di infortunio sul lavoro per coronavirus pervenute all'Inail del Veneto. Di queste, 1.223 sono veronesi

Da gennaio al 30 giugno 2020 sono state 4.151 le denunce di infortunio sul lavoro per Covid-19 pervenute all'Inail del Veneto. Circa il 29,5% di queste (1.223) provengono dalla provincia di Verona. La percentuale più alta di tutta la regione.

Sono stati pubblicato lunedì scorso, 20 luglio, da Inail le schede regionali relative agli infortuni per contagio da coronavirus. Nella scheda del Veneto, la prima tabella mette a confronto i dati regionali con quelli nazionali. In Veneto, le denunce di infortunio sul lavoro da Covid-19 sono state 4.151, circa l'8,3% delle 49.986 denunce conteggiate in tutta Italia. Nove sono stati i morti sul lavoro veneti per Covid-19, circa il 3,6% dei 252 decessi registrati in tutto il Paese.

Nella seconda tabella, invece, il dato regionale viene scorporato in base alle province. In questa grafica vengono mostrati i dati della provincia di Verona e si scopre che questi dati sono i peggiori di tutto il Veneto. I veronesi che si sono infortunati sul lavoro a causa del coronavirus nei primi sei mesi dell'anno sono stati 1.223, di cui 896 donne e 327 uomini. La maggior parte di questi infortuni ha colpito lavoratori di età compresa tra i 35 e i 64 anni e solo in un caso si è verificato il decesso del lavoratore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortuni sul lavoro per Covid-19, Verona peggior provincia del Veneto

VeronaSera è in caricamento