Incendio di Marghera: l'appello ai veronesi dell'amico di Pramod, uno degli operai feriti

Pramod è ancora ricoverato a Verona e un amico lancia l'appello per aiutare moglie e figlia

Incendio - foto VeneziaToday

Lo scorso 15 maggio un incendio ha colpito la 3V Sigma di Malcontenta, coinvolgendo due operai che stavano lavorando per conto di una ditta di Terni e rimasero feriti. Entrambi sono infatti risultati ustionati e poi trasportati nelle strutture ospedaliere di Padova e Verona per le cure del caso. Nell'ospedale veronese è stato accompagnato e poi seguito Pramod Saw, il quale aveva riportato delle ustioni di terzo grado su parte del corpo ed è tuttora ricoverato in terapia intensiva. «Sta migliorando - ha spiegato a TerniToday Fabio Massoli, tra gli ideatori della raccolta fondi in supporto della famiglia dell'operaio ferito - ed ora ha anche riaperto gli occhi. Ha avuto febbre molto alta e soprattutto è stato costretto a convivere con un batterio che lo ha debilitato ulteriormente. È sempre in pericolo ma sta migliorando».

In seguito al drammatico incidente, l'amico Fabio non ci ha pensato sù molto e si è subito prodigato per supportare la moglie e la piccola figlioletta di Pramod: «Mi sono immedesimato nella vicenda ed attivato. Lo conosco da cinque anni, - ha raccontato Fabio - è una persona di una generosità unica. Andavi a fare l’aperitivo con gli amici ed era sempre pronto ad offrirtelo. Dal suo arrivo nel 2002 in Italia ha dapprima studiato poi iniziato a lavorare, fino a diventare saldatore in una ditta di manutenzione. Anche per questo in molti a Terni lo conoscono».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di qui è nata dunque la pagina Facebook di raccolta fondi per supportare la famiglia, ma oggi la richiesta che Fabio ha fatto pervenire alla nostra redazione è anche un'altra: «La famiglia sta affrontando costi e spese importanti per raggiungere e per vivere a Verona, - spiega l'amico di Pramod Fabio Massoli - Avevano pensato di prendere un appartamento vicino all'ospedale, per stare vicino a Pramod». Di qui dunque la richiesta di aiuto ai veronesi per compiere «un'opera buona», vale a dire il gesto di solidarietà da parte di un generoso proprietario d'appartamento che possa eventualmente locare l'immobile alla famiglia di Pramod, a titolo «gratuito» o «comunque a canone molto ridotto», per consentire così alla moglie e alla figlia di restare vicino all'operaio rimasto ferito. «Le richieste possono essere inviate a aiutiamopramod@gmail.com, - spiega sempre Fabio, l'amico dell'operario ferito - provvederò io a girarle alla famiglia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Filobus a Verona. «Ma quale ultimatum? Cantieri prorogati fino a fine anno»

  • Simone Padoan miglior pizzaiolo d’Italia e I Tigli terza miglior pizzeria

  • Ulss 9 Scaligera e Covid-19: origine e zona degli ultimi 39 casi registrati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento