Morto Idefix, l'ibis eremita che migrava "contromano", forse per l'attacco di un'aquila

Reintrodotto in natura dal progetto “Reason for hope”, il cui unico partner italiano è il Parco Natura Viva, è stato trovato morto ai primi di agosto: prese parte alla migrazione guidata dall'uomo nel 2013

L'ibis eremita Idefix

Era l’ibis che migrava "contromano", l’unico tra decine di esemplari reintrodotti in natura dal progetto “Reason for hope” che invece di volare a nord per la stagione calda, puntava a sud verso il golfo del Gargano. Per cinque stagioni riproduttive Idefix ha trascorso un’estate “controcorrente” tra Manfredonia e Peschici, tornando a Orbetello in autonomia e al momento giusto mentre i suoi con specifici rientravano dai quartieri riproduttivi della Baviera. Ma quest’anno, giunto nel grossetano a pochi chilometri dalla meta, dev’essere successo qualcosa che lo ha ricondotto sui propri passi, indietro a meridione, di nuovo verso L’Aquila: il segnale si perde il 30 luglio nei pressi di Bisegna (AQ), dove Idefix è stato ritrovato morto 5 giorni dopo a 1.600 metri di quota. Lì, alle Gole del Sagittario in pieno Abruzzo, nidifica una coppia di aquila reale.

Idefix.3-2

«L’ipotesi che abbiamo seguito è stata proprio quella della predazione», spiega Caterina Spiezio, responsabile del settore ricerca e conservazione del Parco Natura Viva di Bussolengo, unico partner italiano del progetto cofinanziato dall’Unione Europea e guidato dai ricercatori austriaci del Waldrappteam. «È già successo che durante le migrazioni guidate dall’uomo un’aquila attaccasse anche tutto il gruppo di 30 uccelli e immaginiamo che in questo caso, Idefix non abbia potuto nulla da solo. Ma ci piace pensare che questo esemplare, nato allo zoo di Vienna nel 2013 e poi reintrodotto in natura, abbia trascorso e concluso la sua vita da “animale selvatico”». Idefix infatti fu uno degli esemplari che presero parte alla migrazione guidata dall’uomo nel 2013, con lo scopo di memorizzare la rotta di migrazione al seguito di un ultraleggero a motore occupato da due mamme adottive umane. Già allora, alle porte del Centro Italia, si staccò dal gruppo e puntò verso la Francia, per essere poi recuperato in auto e portato ad Orbetello. L’anno dopo iniziò la sua personale interpretazione di “migrazione”. «Idefix ci ha permesso di osservare l’eccezione tra tanti ibis eremita che al contrario, hanno migrato nella giusta direzione e si sono riprodotti, permettendo alla propria specie di tornare a volare nei cieli d’Europa dopo 400 anni dall’estinzione. E poi ci ha consentito di parlare del progetto, accendendo i riflettori su un animale di cui si era persa la memoria».

Ibis eremita_1-2

APPENNINI POPOLATI DI IBIS IN PIENA MIGRAZIONE MA QUELLA GUIDATA DALL’UOMO È SALTATA CAUSA COVID - La rotta verso sud, dai quartieri riproduttivi dell’Austria lungo gli Appennini fino all’Oasi di Orbetello, è in questo momento popolata di ibis eremita nel pieno della migrazione autunnale verso la meta toscana di svernamento. Il gruppo più consistente si trova in provincia di Verona - a pochi chilometri di stanza dallo stesso Parco Natura Viva - da un paio di settimane, dal quale pian piano, si staccano piccoli gruppetti per dirigersi a meridione. Alcuni solitari si trovano sugli Appennini pavesi e sulle alture di Modena, mentre Silvretta è da due giorni in pieno centro a Genova, dopo aver attraversato le Alpi a Bellinzona. Li attendono gli oltre 50 esemplari a Orbetello, insieme ai tre quasi arrivati che si attardano a Piombino e Grosseto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ibis eremita in migrazione_2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento