rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità Stazione / Piazzale XXV Aprile

Da Verona a Trieste in 30 minuti, Hyperloop è arrivata in Italia

È stata presentata la start up italiana che lavorerà per la diffusione e la realizzazione di tecnologie per il trasporto supersonico. E il capoluogo scaligero potrebbe essere inserito in una delle prime tratte

Oggi, 29 gennaio, è stata presentata ufficialmente Hyperloop Italia, una start up che lavorerà per la diffusione e realizzazione di tecnologie Hyperloop e di infrastrutture di nuova generazione nel territorio italiano. La tecnologia Hyperloop sbarca dunque in Italia e lo fa con l'impegno diretto di Bibop Gresta, fondatore dell'azienda americana Hyperloop Transportation Technology (Htt).

Htt è la prima società al mondo a sviluppare la tecnologia Hyperloop. Fondata nel 2013 da Bibop Gresta e da altri partner, HyperloopTT conta un team globale di più di 800 ingegneri, creativi ed esperti in tecnologia suddivisi in 52 team multidisciplinari e con 50 partner tra aziende e università.

Per l'Italia, Gresta e il nuovo team italiano sono già al lavoro su sei progetti, a cui seguiranno altrettanti studi di fattibilità, da realizzare sul territorio italiano in tre regioni del Sud e tre regioni del Nord, tra cui il Veneto. Prima della presentazione di oggi, infatti, sono stati effettuati numerosi incontri con soggetti istituzionali, industriali e del mondo della ricerca, per garantire quel retroterra necessario, affinché si raccogliesse il consenso istituzionale, industriale e i capitali da mettere in campo per questo progetto. Ci sono, inoltre, delle rotte già individuate per le quali è imminente l'avvio di studi di fattibilità funzionali allo sviluppo di progetti altamente tecnologici e innovativi, con condizioni territoriali e morfologiche che risultano favorevoli all'implementazione di Hyperloop. E tra queste rotte, almeno una potrebbe interessare la città di Verona.

Ma cosa è Hyperloop? È un sistema di trasporto supersonico. È formato da tubi al cui interno viaggiano delle capsule che possono contenere fino a 50 passeggeri oppure delle merci. Il motore di Hyperloop è elettrico ed è alimentato da fonti di energia rinnovabile. L'attrito viene limitato al minimo attraverso la levitazione magnetica passiva delle capsule e attraverso la rimozione dell'aria all'interno del tubo. Questo permette alle capsule di raggiungere una velocità massima superiore ai 1.200 chilometri orari. Questo potrebbe permettere ai viaggiatori veronesi di raggiungere Trieste in mezz'ora o Trento in cinque minuti. 

Sembrava fantascienza e ora diventa realtà - ha dichiarato Bibop Gresta - Si potrà partire concretamente, non più con annunci, ma con l'ideazione di concrete tratte italiane. L'evoluzione del trasporto terrestre prenderà forma entro questo decennio, e sono orgoglioso di poter pensare che il mio Paese sarà tra i primi al mondo a viaggiare alla velocità supersonica. Hyperloop segnerà il punto di svolta tra la terza e la quarta rivoluzione industriale, utilizzando le tecnologie a disposizione nel XXIº Secolo per sviluppare un sistema di trasporto sicuro, efficiente e sostenibile. Cambieranno gli stili di vita, le distanze saranno abbattute e le persone avranno più tempo per loro stessi, impiegando meno tempo per spostarsi da un punto all’altro della terra. Le città e i territori verranno ripensati in maniera positiva. È una evoluzione necessaria per ridurre l’inquinamento e migliorare la qualità della vita. Il nostro sistema produce più energia di quanto consuma e non provoca emissioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Verona a Trieste in 30 minuti, Hyperloop è arrivata in Italia

VeronaSera è in caricamento