Giovani volontari si mettono al lavoro per riqualificare gli spazi di Verona

Nell’arco di qualche settimana sono state ben 1.500 le adesioni arrivate per “Ci sto? Affare fatica”, progetto promosso dalle Cooperative Energie Sociali e L’Albero, con il supporto del Comune

I giovani volontari con Federico Sboarina, Stefano Bertacco, Raimondo Dilara e Cristiano Bolzoni

Al lavoro, con secchi di colore e pennelli, per ridipingere panchine e cestini, ma anche staccionate e cancelli. Sono i giovani volontari di “Ci sto? Affare fatica”, progetto promosso dalle Cooperative Energie Sociali e L’Albero, con il supporto del Comune. Ragazzi dai 14 ai 19 anni che, una volta finita la scuola, hanno deciso di mettersi a disposizione per le piccole manutenzioni cittadine. Nell’arco di qualche settimana sono state ben 1.500 le adesioni arrivate. Al momento sono 400 i ragazzi già all’opera, accompagnati da tutor, in diversi spazi cittadini, dal Centro anziani di Cadidavid al Parco delle Mura.

E venerdì mattina, uno dei gruppi era al suo ultimo giorno di lavoro all’interno di Parco Golino, in Borgo Roma. Sul posto anche il sindaco Federico Sboarina, l’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco e il presidente della quinta Circoscrizione Raimondo Dilara che, dopo essersi complimentati con i ragazzi, hanno consegnato ad ognuno di loro un ‘buono fatica’ da 50 euro, offerto dagli sponsor e spendibile nei negozi convenzionati. Un piccolo segno di riconoscimento per l’attività svolta durante la settimana di servizio. L’iniziativa rientra nei patti di sussidiarietà stipulati dal Comune con le associazioni del territorio, per la cura e la valorizzazione dei beni comuni. Nella mattinata del 28 giugno era presente anche Cristiano Bolzoni, coordinatore del progetto per Energie Sociali.

I gruppi si alterneranno fino al 26 luglio, più di un mese e mezzo in cui i ragazzi si prenderanno cura dei luoghi del territorio, secondo una lista di priorità fornita direttamente dal Comune o dalle Circoscrizioni. Le attività vengono svolte dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30. I giovani possono scegliere di partecipare ad una o più settimane.

sindaco e Bertacco insieme ai ragazzi-2

«Un progetto innovativo che ha una duplice valenza – ha detto Sboarina -. Da un lato, infatti, i ragazzi occupano il loro tempo libero facendo qualcosa di utile per tutta la comunità e dall’altra ci aiutano a sistemare e riqualificare tanti angoli di Verona. È bello vedere che numerosi giovani hanno a cuore la loro città e si sono resi disponibili durante le vacanze estive a fare qualcosa di concreto, per il bene comune».

«Tanti ragazzi nel periodo estivo non hanno la possibilità di partecipare ad attività alternative – ha spiegato Bertacco -. Questa è una bellissima iniziativa, dal valore educativo, perché comunque coinvolge i giovani nella cura del bene comune e degli spazi che vengono utilizzati dalla cittadinanza. Allo stesso tempo ha un’importanza sociale e civica. Con poco si possono rendere vivibili tanti luoghi e i ragazzi diventano un esempio per i loro coetanei ma anche per gli adulti».

«Mi auguro che per tutti loro sia una bella esperienza, da ripetere – ha concluso Dilara -. Noi non possiamo fare altro che ringraziarli per il servizio reso, si tratta infatti di piccole manutenzioni che difficilmente riusciremmo a realizzare con il personale in servizio».

Il progetto è supportato da Fondazione Cariverona e da numerosi sponsor. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.cistoaffarefatica.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento