Attualità Via Carlo Gianella

Giornata Senza Tabacco, Coletto: "Meglio non iniziare, ma si può smettere"

L'assessore regionale alla sanità ha spento l'ultima sigaretta e si ritiene un testimonial modesto ma convinto. "Bisogna rinunciare ai comportamenti che danneggiano la salute"

Sono stato un fumatore per anni, ma sono riuscito a smettere. Non è stato facile, ma bisogna provarci, perché la salute viene prima di tutto, e prima di tutto bisogna rinunciare a comportamenti che la danneggiano. Fumare è uno dei peggiori, come dimostrano tutte le statistiche sulle patologie fumo-correlate. Non fumare fa bene alla salute e, cosa nemmeno tanto secondaria, al portafoglio.

Si definisce un "testimonial modesto ma convintissimo", l'assessore regionale alla sanità Luca Coletto nel lanciare la Giornata Mondiale Senza Tabacco 2018 che si terrà domani, 31 maggio. L'iniziativa è dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e vede il Veneto impegnato in molte attività, tra le quali un concorso riservato alle scuole e la diffusione di un report sul tabagismo in Veneto.

I fumatori veneti sono scesi al 22% del totale dei cittadini, il che ci pone più avanti della media nazionale che è del 25,6% - ha fatto sapere Coletto -La maggioranza degli adulti veneti non fuma o ha smesso di fumare. Sono buoni dati che però si possono e si devono migliorare, soprattutto tra i giovani. Abbiamo attivato, per l'anno scolastico 2017-2018, ben otto programmi specifici, tra i quali il concorso tra scuole che vedrà la premiazione in consiglio regionale.

Il concorso ha visto la partecipazione di 2.678 studenti di 26 scuole venete, per un totale di 115 classi e con il coinvolgimento di sei Ulss.

Secondo quanto riportato dal report sulla diffusione del fumo in Veneto, l'abitudine a fumare è maggiormente diffusa fra i più giovani (tra i 25 e i 34 anni) e si riduce con l'età. Sono ancora gli uomini (25%), rispetto alle donne (19%), i detentori del primato del fumo. E si evidenzia come siano più frequenti i fumatori nelle classi più svantaggiate dal punto di vista economico (30%). Mediamente, il consumo giornaliero di sigarette si attesta intorno alle 10 sigarette circa, mentre i forti fumatori (15%) arrivano a consumare più di un pacchetto di sigarette al giorno. Un dato positivo viene dal fatto che, rispetto al 2008, la prevalenza dei fumatori tra i 18 e i 69 anni si è ridotta.

Nella provincia di Verona, le iniziative per la Giornata Mondiale Senza Tabacco sono iniziate lunedì 28 maggio e si concluderanno domani all'ospedale Mater Salutis di Legnago, quando dalle 8.30 alle 13 sarà possibile effettuare la misurazione del monossido di carbonio nell'espirio, fare un test per la valutazione della dipendenza da nicotina, avere una breve consulenza ed eseguire una spirometria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata Senza Tabacco, Coletto: "Meglio non iniziare, ma si può smettere"

VeronaSera è in caricamento