Giardino intitolato ad Alessandro Di Lisio militare della Folgore di Legnago

Lo spazio è stato inaugurato a Campobasso, sua città di origine. Il giovane era deceduto dieci anni fa in missione in Afghanistan

Il cartello che indica il giardino dedicato ad Alessandro Di Lisio (Foto Facebook - Elisabetta Trenta)

Oggi, 13 luglio, a Campobasso, un giardino alle spalle del monumento ai caduti di tutte le guerre è stato intitolato ad Alessandro Di Lisio, paracadutista guastatore caduto a 25 anni in Afghanistan dieci anni fa. Il militare era originario del capoluogo molisano e faceva parte dell'ottavo reggimento genio guastatori paracadutisti Folgore di Legnago.

Nell'area dedicata ad Alessandro Di Lisio sono stati posti una parte di cingolo di un carro Leopard, un paracadute e una targa in cui si legge: «Ai tanti che sono stati qui. A quelli che hanno dato molto. Ad Alessandro Di Lisio che ha dato tutto. Ganjabad (Afghanistan), 14 luglio 2009».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla cerimonia di inaugurazione ha partecipato anche il ministro della difesa Elisabetta Trenta. «L'impegno delle missioni internazionali va rinnovato per il valore che ha, perché la pace si porta in Italia trasportandola in tutto il mondo, non si chiudono i confini», sono state le parole del ministro Trenta, riportate da Ansa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La curva non scende, aumentano i malati di coronavirus a Verona

  • Coronavirus, impennata di casi a Verona: 954 positivi, un nuovo decesso e 284 i ricoveri

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

Torna su
VeronaSera è in caricamento