Giancarlo Giannini a Verona, agli aspiranti attori: «Raccontiamo sogni»

Il celebre attore ha tenuto una delle tante lezioni riservate ai venti allievi impegnati nel corso biennale per diventare attori o sceneggiatori di Studio Cinema

Giancarlo Giannini a Verona

Chi ha detto che per diventare attore o regista è necessario trasferirsi alle porte di Cinecittà? È il mondo del cinema, piuttosto, che da qualche tempo è sbarcato in riva all'Adige grazie a Studio Cinema, istituto professionale di formazione cinematografica, nato a Roma dieci anni fa per volontà di Massimiliano Cardia e che da cinque anni ha messo radici anche a Verona grazie a un'intuizione e all'impegno dello stesso fondatore e di Emanuela Morozzi, direttore artistico della sede scaligera, che oggi ha ospitato Giancarlo Giannini in una delle tante lezioni riservate ai venti allievi impegnati nel corso biennale per diventare attori o sceneggiatori.

L'attore, doppiatore e sceneggiatore nato a La Spezia nel 1942, è uno dei più celebri volti del cinema italiano, e sarà a breve a Hollywood per celebrare la sua stella sulla «Walk of fame», la seconda mai dedicata a un italiano (prima di lui solo Rodolfo Valentino, mentre un'altra è stata annunciata alla memoria di Luciano Pavarotti). La fama di Giannini, infatti, va ben oltre i confini nazionali: già incassata nel 2009 la prestigiosa stella sull’Italian Walk of Fame di Toronto, in Canada, Giannini è di casa anche a Hollywood. Basti pensare al ruolo di cattivo in «Quantum of Solace 007», al pater familias interpretato ne «Il profumo del mosto selvatico» con Keanu Reeves, passando per il «no» a Francis Ford Coppola, che lo aveva cooptato per un ruolo in «Apocalypse Now» a cui dovette rinunciare perché già impegnato con Visconti, e all’interesse dimostrato da Spielberg, che lo voleva antagonista di Indiana Jones ne «I predatori dell’arca perduta», collaborazione mai decollata solo per colpa di un imprevedibile ritardo nel via delle riprese.
«Noi raccontiamo sogni, è tutta finzione ma è bellissimo questo modo di raccontare la realtà attraverso la macchina da presa - ha detto Giannini agli aspiranti registi e sceneggiatori di Studio Cinema Verona - Il bravo regista è colui che non ha bisogno di dire all'attore tutto ciò che deve fare in scena, ma colui che sa scegliere l'attore giusto lasciandogli poi la possibilità di esprimersi e suggerire cosa e come comunicare».

«Tantissimi sanno recitare, ma a farlo bene sono pochissimi nel mondo», ha proseguito l’attore, che proprio a Verona, al Teatro Romano, ha registrato uno dei primi grandi successi a teatro della sua carriera, con «Romeo e Giulietta» per la regia di Zeffirelli (era il 1964). «E poi conta molto la fortuna», ha concluso con una nota polemica, «purtroppo in Italia se non si è raccomandati, oggi è difficilissimo andare avanti».

Ma il primo passo resta, indubbiamente, la preparazione. L’attore è infatti in città perché figura nel corpo docente di Studio Cinema Verona, che negli anni ha fatto salire in cattedra nella sede veronese veri e propri pezzi da novanta dello spettacolo nazionale e internazionale: tra i registi Pupi Avati, Abel Ferrara, Michele Placido, Gabriele Muccino, Alexis Sweet, oltre agli attori Giuliana De Sio, Alessandro Haber, Edoardo Leo, Sabrina Impacciatore e Claudio Castrogiovanni.
«Studio Cinema Verona ha l'obiettivo di formare futuri attori e specializzare attori professionisti puntando proprio sull'eccellenza del corpo docenti - spiegano i fondatori Massimiliano Cardia ed Emanuela Morozzi - Il piano di studio prevede elaborazioni pratiche continue, per garantire il reale apprendimento delle informazioni studiate con attrezzature di ripresa cinematografica di ultima generazione. Il tutto, con l'obiettivo di decentrare la formazione cinematografica anche a Verona, per consentire agli aspiranti attori, ma anche registi e sceneggiatori, di inseguire il loro sogno senza doversi per forza trasferire».

studio cinema verona giannini-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le audizioni (gratuite) per reclutare nuovi talenti per il percorso biennale di Studio Cinema Verona, in vista del nuovo anno accademico al via a novembre, sono aperte: per candidarsi è necessario scrivere all’indirizzo infostudiocinemaverona@gmail.com. A selezionare gli aspiranti, il prossimo 25 ottobre a Verona, sarà il casting director Pino Pellegrino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento