Attualità Strada Provinciale 23

Gazzo Veronese, Corte dei Conti contro il sindaco. L'opposizione si dimette

Se ne vanno anche gli ultimi due consiglieri di minoranza rimasti, perché il primo cittadino non viene riconosciuto incompatibile, nonostante la richiesta di pagamento di 296mila euro a lui notifica

Stefano Negrini (Foto Facebook)

I consiglieri di minoranza del Comune di Gazzo Veronese Ivan Scipioni e Daniela Bellaro hanno deciso di dimettersi e così l'amministrazione comunale andrà avanti senza opposizione. La decisione è stata ufficializzata venerdì scorso, 21 dicembre, ed è legata al mancato riconoscimento dell'incompatibilità del sindaco Stefano Negrini.
Scipioni e Bellaro erano gli ultimi due consiglieri di minoranza rimasti nel consiglio comunale di Gazzo. Gli altri si erano già dimessi a maggio, sempre per la stessa motivazione.

La svolta che ha portato alla decisione dei due consiglieri della lista Gazzo Veronese Futura è l'intervento della Corte dei Conti che ha richiesto a Negrini il pagamento di 296mila euro per un danno erariale e d'immagine da lui provocato al Comune quando era sindaco nel 2009. I beni del primo cittadino sono stati inoltre sequestrati e lui potrà difendersi davanti al procuratore della Corte dei Conti il prossimo 16 gennaio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gazzo Veronese, Corte dei Conti contro il sindaco. L'opposizione si dimette

VeronaSera è in caricamento