Attualità Strada Regionale 249

Gardesana orientale, traffico e incidenti: via ai lavori di messa in sicurezza

L'adeguamento della SR 249 nei comuni di Castelnuovo del Garda e Lazise è stato approvato dalla Giunta regionale del Veneto, per un importo di 3.55 milioni di euro

Immagine di repertorio

Gardesana Orientale” e “Treviso Mare” sono due delle strade venete maggiormente interessate da un intenso traffico turistico nella stagione estiva e caratterizzate entrambe da un’elevata incidentalità.

La Giunta regionale, proseguendo nel piano di messa in sicurezza della propria rete viabilistica, ha approvato martedì, su proposta dell’assessore alle infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti, un provvedimento per la realizzazione di interventi finalizzati all’eliminazione di alcuni ‘punti neri’ presenti lungo i due tracciati e in particolare:

  • adeguamento della strada regionale SR 249 “Gardesana Orientale” nei Comuni di Castelnuovo del Garda e di Lazise, in provincia di Verona, tratto caratterizzato da un’elevata frequentazione di utenza debole e da una rilevante incidentalità, al fine di assicurare condizioni di sicurezza al transito di pedoni e ciclisti, per un importo di 3.55 milioni di euro;
  • realizzazione di una rotatoria a Vallio di Roncade, tra la SR 89 “Treviso Mare” e tra la SP 64 “Zermanesa”, per la messa in sicurezza dell’incrocio e dello svincolo, per un importo 3.6 milioni di euro.

Questi interventi – sottolinea De Berti – rappresentano un importante passo avanti per rendere più sicura la nostra viabilità. Il Veneto, prima regione turistica d’Italia, ha praticamente raddoppiato gli arrivi nell’ultimo ventennio, passando dai 10 milioni del 1997 ai circa 20 milioni attuali: ciò ha significato un incremento notevole anche dei flussi veicolari, a cui deve corrispondere uno sviluppo infrastrutturale adeguato. Negli ultimi anni ci stiamo concretamente muovendo in tale direzione, non solo potenziando le strade interessate dai principali flussi di traffico turistico, ma anche assicurando maggior protezione alle cosiddette utenze più deboli, cioè a pedoni e ciclisti, che, particolarmente nelle aree turistiche, sono una componente in continua crescita.

Apprendo con soddisfazione la notizia di questo provvedimento, atteso da anni, reso possibile dalla sensibilità della Regione Veneto e dall’impegno dell’assessore Elisa De Berti nei confronti del nostro lago e di Castelnuovo del Garda in particolare – commenta il sindaco Giovanni Dal Cero −. Sin dal mio insediamento mi sono prodigato nel tessere rapporti con la Regione, nella convinzione che soltanto un gioco di squadra avrebbe potuto farci ottenere risultati importanti. Sono lieto che il tempo mi abbia dato ragione e rinnovo il mio impegno su questo fronte, certo di aver intrapreso insieme con la mia squadra la strada giusta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gardesana orientale, traffico e incidenti: via ai lavori di messa in sicurezza

VeronaSera è in caricamento