Fondazione Arena, lavoratori sul piede di guerra per «una nuova fase di lotta»

Le segreterie territoriali dei sindacati SLC, UILCom e FIALS di Verona hanno «confermato di voler mantenere lo stato di agitazione e le forme di pressione e di protesta nei confronti del gruppo dirigente»

La sede di Fondazione Arena

L’ Assemblea dei lavoratori/trici di Fondazione Arena di Verona svoltasi il 20 marzo 2019 ha confermato di voler mantenere lo stato di agitazione e le forme di pressione e di protesta nei confronti del gruppo dirigente.

Ad annunciarlo sono le segreterie territoriali SLC, UILCom e FIALS di Verona. In precedenza le sigle sindacali avevano lamentato la programmazione definita "desolante" del Teatro Filarmonico, mentre la gestezione della Fondazione era stata contestata da Michele Bertucco e Alberto Bozza

L’integrità del Teatro, quale Istituzione Pubblica nelle sue diverse componenti, non risulta essere affatto in condizioni di sicurezza da parte di questa gestione che ne sta progressivamente alterando storia, identità e prospettiva.

Siamo ben lontani da una seria politica di rilancio e molte delle azioni vantate dalla Dirigenza si rivelano essere, di volta in volta, nient’altro che annunci. Rilancio significa per noi aumento delle alzate di sipario per riportare abbonati spettatori al Teatro Filarmonico, cartelloni artistici completi e certi dei prossimi tre anni con contributi pubblici e privati adeguati, ri-patrimonializzare Fondazione. Ma ad oggi nulla di ciò.

Come non fossero bastati 12 milioni di stipendi versati dai lavoratori per sanare le folli gestioni passate, ancora oggi il Ministero e Fondazione chiedono loro di restituire altri milioni di stipendi. Ora basta: i lavoratori si sentono, ancora una volta, soli di fronte allo stillicidio economico ed artistico perpetrato dalla Fondazione, mentre la dirigenza viene lautamente stipendiata.

L’assemblea dei lavoratori ha dato per queste ragioni mandato alle Organizzazioni Sindacali di valutare e proporre forme di pressione e di lotta che, in assenza di concreti atti del C.d.I. sulle criticità sopra espresse, potrebbero riverberare anche sulla prossima stagione areniana.

L’importante esperienza e iniziativa dell’Assemblea Permanente di Sala Fagiuoli ha dato in questi mesi nuovo impulso alle idee e alle analisi della situazione, come pure ha determinato alcune svolte in un percorso che lo stesso Consiglio di Indirizzo ha dovuto modificare.

Questa esperienza continuerà nelle modalità adottate di coinvolgimento e di pressione nei confronti delle istituzioni Comunali, Provinciali e Regionali che unitamente a non pochi esponenti della politica hanno condiviso le nostre preoccupazioni e denunce.
A tal fine prossimamente una delegazione si recherà presso Palazzo Barbieri per ottenere un incontro con il Sindaco/Presidente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si riapre una nuova fase di lotta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

Torna su
VeronaSera è in caricamento