Attualità Valverde / Via Gian Matteo Giberti, 11

Covid, i vaccini saranno eseguiti in farmacia: il ministro Speranza ha firmato il protocollo

Il presidente di Federfarma Cossolo spiega che le farmacie daranno così «un contributo significativo al raggiungimento dell’obiettivo di ottenere una copertura vaccinale adeguata»

«Ho appena firmato il protocollo con regioni e farmacisti per far partire in sicurezza le vaccinazioni Covid nelle farmacie del nostro Paese. La campagna di vaccinazione è la vera chiave per chiudere questa stagione così difficile. Oggi facciamo un altro importante passo avanti per renderla più veloce e capillare». Così ha dato l'annuncio ufficiale il ministro della Salute Roberto Speranza in merito all'accordo che consentirà di condurre la campagna di vaccinazione contro Covid-19 anche nelle farmacie, capillarmente diffuse sul territorio nazionale, dunque agevolando e velocizzando le operazioni come tutti auspicano.

In base a quanto spiegato da una nota di Federfarma, «con l’accordo quadro siglato tra Federfarma, Assofarm, governo, Regioni e Province Autonome, le farmacie italiane si preparano a diventare centri di somministrazione dei vaccini anti-Covid, secondo quanto stabilito dal decreto-legge "Sostegni" approvato il 19 marzo. Il documento definisce le regole del percorso formativo che abilita il farmacista alla vaccinazione, le misure logistiche necessarie per garantire la massima sicurezza ai cittadini e ai farmacisti, definendo le modalità operative della seduta vaccinale, dalla fase di prenotazione e accoglienza fino a quella di osservazione e gestione delle eventuali reazioni avverse post-somministrazione».

Prenotazione del vaccino anti Covid in farmacia, Federfarma Verona: «Sarà molto semplice» 

Il presidente nazionale di Federfarma, Marco Cossolo, ha così commentato la novità decisiva per il prosieguo della campagna vaccinale in Italia: «Si tratta di un importante riconoscimento all’impegno costante delle farmacie che fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono rimaste sempre a disposizione dei cittadini, ampliando anche gli orari di apertura e potenziando la propria attività con nuovi servizi. Le farmacie aderiranno numerose anche a questa iniziativa - ha proseguito il presidente Marco Cossolo - animate da quello spirito di servizio che da sempre le connota e che durante la pandemia è emerso con forza. Daranno così un contributo significativo al raggiungimento dell’obiettivo di ottenere al più presto una copertura vaccinale adeguata». Nel testo dell'accordo siglato si legge che «le attività di prenotazione e di esecuzione dei vaccini verranno eseguite, da parte delle farmacie, secondo i programmi di individuazione della popolazione target previamente definiti dalle autorità sanitarie competenti e seguendo i correlati criteri di priorità». 

Il presidente di Federfarma nazionale Marco Cossolo ha poi annunciato quali saranno le prossime fasi per l’avvio concreto delle somministrazioni da parte dei farmacisti in farmacia dei vaccini anti Sars Cov-2: «L’accordo quadro, a carattere nazionale, verrà illustrato ai delegati dell’Assemblea nazionale di Federfarma giovedì 1 aprile. Dopo questo passaggio si potrà procedere al recepimento del protocollo a livello regionale, così da essere pronti alla somministrazione non appena saranno disponibili i vaccini destinati alle farmacie».
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, i vaccini saranno eseguiti in farmacia: il ministro Speranza ha firmato il protocollo

VeronaSera è in caricamento