Attualità Borgo Trento / Piazzale Aristide Stefani

Morta a 32 anni per fibrosi cistica: i genitori donano un macchinario al Centro di Verona

La pandemia di Covid-19 ha ritardato di un anno l'iniziativa, ma alla fine si è concretizzata il 20 maggio con la donazione un ventilatore polmonare al Centro regionale di Verona, dove Giorgia era stata ricoverata

Era il 14 febbraio 2019 quando una forma incurabile di fibrosi cistica ha messo fina alla vita di Giorgia Badalamenti, 32enne trevigiana. Una tragedia da cui ha preso il via la bella iniziativa dei genitori della ragazza di Montebelluna, che vuole dare una nuova speranza agli altri malati ricoverati in Veneto.
Come spiega Alvise Wollner sulle colonne di TrevisoToday, Marcello e Maria Badalamenti hanno dato vita al "Progetto Giorgia", grazie al supporto della Lega italiana fibrosi cistica del Veneto e il Centro regionale di cura della fibrosi cistica dell'ospedale veronese di Borgo Trento. 

Poco dopo la triste scomparsa della figlia, i genitori intendevano infatti donare subito un ventilatore polmonare al Centro regionale di Verona, dove Giorgia era stata ricoverata. Pochi mesi dopo la pandemia di Covid-19 ha reso tali dispositivi introvabili e il suo acquisto è stato ritardato di un anno: la ditta produttrice aveva sospeso la produzione del modello per dedicarsi solo alla produzione di un ventilatore dedicato ai malati affetti dal Sars-CoV-2 per le terapie intensive di tutta Europa.
Poi l'attesa finalmente è terminata e il ventilatore è stato consegnato al reparto di Verona giovedì 20 maggio, realizzando così l'idea di Marcello e Maria, grazie anche alla generosità di tutti i partecipanti alla raccolta fondi aperta dai familiari di Giorgia: complessivamente infatti sono stati raccolti ben 18.316 euro. Il costo dell'apparecchiatura era di quasi 13mila euro (12.915) e il denaro avanzato (5.401 euro) è stato donato a sostegno dei pazienti del Centro regionale fibrosi cistica di Verona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morta a 32 anni per fibrosi cistica: i genitori donano un macchinario al Centro di Verona

VeronaSera è in caricamento