menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fibra ultraveloce in provincia: inaugurato il primo cantiere a Concamarise

I lavori di Open Fiber permetteranno di realizzare una nuova rete in modalità FTTH (Fiber To The Home), che consentirà di beneficiare di una connessione fino a 1 Gigabit al secondo

La fibra ultraveloce di Open Fiber sta arrivando a Concamarise: lunedì mattina, alla presenza dell’Assessore regionale all’Economia e allo Sviluppo della banda larga, Roberto Marcato, del Sindaco, l Senatore Cristiano Zuliani, e del Regional Manager Veneto Cluster C&D di Open Fiber, Federico Cariali, sono stati inaugurati ufficialmente i cantieri per realizzare una nuova rete in modalità FTTH (Fiber To The Home), che consentirà di beneficiare di una connessione fino a 1 Gigabit al secondo. Era presente anche il presidente della prima commissione del Consiglio regionale, Alessandro Montagnoli. Concamarise è il primo comune del veronese in cui partirà il piano lavori di Open Fiber, che consegnerà alla città un’infrastruttura strategica per il territorio, capace di aumentare la competitività delle imprese e di migliorare la vita dei cittadini.

Inaugurazione cantiere BUL Concamarise-2

Questo progetto si è reso possibile grazie alla convenzione firmata tra il Ministero per lo Sviluppo Economico, la Regione Veneto, i Comuni interessati e Infratel Italia, società “in house” del Ministero. La convenzione ha permesso l’emissione da parte di Infratel del primo bando di gara per la costruzione e la gestione di una rete a banda ultra larga nelle cosiddette “aree bianche” o “a fallimento di mercato”, vinto da Open Fiber, la società attiva in tutto il territorio nazionale per costruire e gestire un’infrastruttura in fibra ottica. La rete sarà data in concessione per 20 anni a Open Fiber, che ne curerà anche la manutenzione, e rimarrà di proprietà pubblica. Il primo bando Infratel interessa 3043 comuni di Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia, Molise, Toscana e Veneto. Open Fiber si è aggiudicata anche il secondo bando Infratel per il cablaggio di altre dieci Regioni e della Provincia autonoma di Trento.

da sin. Montagnoli, Marcato, Zuliani, Cariali-2

Il valore complessivo del bando per la copertura delle aree a fallimento di mercato del Veneto è di circa 400 milioni di euro. “Una cifra importante – ha detto l’Assessore Roberto Marcato – con la quale nel 2020 l’intero Veneto sarà coperto con la Banda Ultra Larga e colmerà il gap esistente con le altre regioni. Non c’è sviluppo senza infrastrutturazione tecnologica”. Grazie a 180mila euro di fondi FESR, nel corso del 2018 circa 560 unità immobiliari del comune di Concamarise saranno cablate in FTTH attraverso una rete in fibra ottica di circa 7 km, che garantisce performance non raggiungibili con le attuali infrastrutture in rame o miste fibra/rame. Un’altra quarantina di edifici sarà invece connessa alla banda ultra larga con tecnologia FWA (fixed wireless access).

IMG-20180716-WA0003-2

"Siamo soddisfatti di aprire il primo cantiere del veronese a Concamarise – ha detto Federico Cariali per Open Fiber - qui infatti, al confine con Sanguinetto, realizzeremo anche il Pop, ossia la centrale da cui partirà la rete in fibra ottica ultraveloce per raggiungere tutte le abitazioni, le attività commerciali e gli edifici pubblici sul territorio, nello specifico il Comune e la Scuola. Ringraziamo il Sindaco Zuliani e tutta l'amministrazione comunale perché, col riutilizzo delle infrastrutture esistenti, gli interventi di Open Fiber saranno poco invasivi”.

IMG-20180716-WA0004-2

Grazie alla proficua collaborazione con Infratel e la Regione, ad oggi Open Fiber ha già aperto nel Veneto 38 cantieri. L’azienda punta a garantire la copertura delle maggiori città italiane (le aree nere, o a successo di mercato, del cosiddetto cluster A&B) e di oltre 7mila comuni su tutto il territorio nazionale (le aree bianche incluse nel cluster C&D) con l’obiettivo di realizzare una rete quanto più pervasiva ed efficiente possibile, che favorisca il recupero di competitività del “sistema Paese” e, in particolare, l'evoluzione verso “Industria 4.0”.

IMG-20180716-WA0002-2

Open Fiber è un operatore wholesale only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati. Una volta conclusi i lavori, l’utente non dovrà far altro che contattare un operatore, scegliere il piano tariffario e navigare ad alta velocità, cosa fino ad oggi impossibile in alcuni luoghi del territorio. Anche le sedi della Pubblica Amministrazione saranno connesse con la fibra ottica, al fine di migliorare le relazioni con i cittadini e di velocizzare la digitalizzazione del Paese.

IMG-20180716-WA0005-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento