L'appello di Federica Pellegrini contro la violenza sulle donne: «Denunciate sempre»

La campionessa olimpionica di nuoto: «Non è normale pensare che non ci riguardi»

foto frame video Instagram Federica Pellegrini

«Vedere una donna in silenzio, chiusa nel suo dolore, senza più voglia di vivere. Non è normale pensare che non ci riguardi». È il messaggio che la campionessa del nuoto italiano Federica Pellegrini ha voluto affidare ai social nella vigilia della "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" che si celebra oggi, domenica 25 novembre, in tutto il mondo.

«Questa donna potrebbe essere nostra madre, nostra figlia, o nostra sorella. - prosegue così l'appello social di Federica Pellegrini - Denunciate sempre i maltrattamenti. Chi maltratta una donna va isolato e denunciato, perché questo dramma, ancora oggi in Italia, coinvolge una donna su tre. Denunciate sempre, perché ricordate, non è normale che sia normale».

Vedere una donna in silenzio, chiusa nel suo dolore, senza più voglia di vivere. Non è normale pensare che non ci riguardi. Chi maltratta una donna va isolato e denunciato, perché questo dramma, ancora oggi in Italia, coinvolge una donna su tre. #nonènormalechesianormale 🙏🏻

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un post condiviso da Federica Pellegrini (@kikkafede88) in data:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento