rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Extra lirica, ok dal Comune a spettacoli fino a dopo la mezzanotte ma a volume dimezzato

Da palazzo Barbieri arriva l'autorizzazione ma anche la stilettata ad Arena di Verona s.r.l., che avrebbe deciso "unilateralmente di effettuare" tali spettacoli "senza però aver prima concordato le modalità di svolgimento degli eventi e ottenuto dal Comune la necessaria autorizzazione di deroga ai limiti acustici"

"Alcuni degli eventi programmati nel cartellone extra lirica, che prevedono trasmissioni televisive o scalette strutturalmente complesse che ne prolungheranno la durata, potranno in via eccezionale terminare dopo la mezzanotte, in deroga a limiti acustici previsti dal regolamento comunale". A stabilirlo nella giornata di martedì è stata la Giunta comunale di Verona, la quale ha "deliberato l’autorizzazione vincolando però, nell’orario di prolungamento dalle 24 all’1 di notte, l’abbassamento del volume fino a dimezzare le emissioni della musica per non creare disturbo ai residenti". 

Una nuova modifica agli orari dunque, dopo la deroga per la lirica di qualche giorno fa. Provvedimento necessario per alcuni spettacoli, i quali prevedono una scaletta corposa e magari anche le registrazioni per la tv, che difficilmente riescono a rimanere entro il limite della mezzanotte, come accaduto di recente allo spettacolo per gli 80 anni di Al Bano. Da palazzo Barbieri sottolineano che saranno interessati i concerti live di Claudio Baglioni, Elisa, Venditti & De Gregori, Pooh e alcuni eventi come Music Awards 2023 e Arena ’60 al 2000.
Non viene risparmiata una frecciatina alla società controllata Fondazione Arena, l'ente presieduto dalla sovrintendente Cecilia Gasdia, ovvero Arena di Verona s.r.l.. Nella nota del Comune infatti viene sottolineato che "ha deciso unilateralmente di effettuare gli spettacoli e i concerti, con relative trasmissioni televisive che ne portano la durata quasi sempre oltre la mezzanotte, senza però aver prima concordato le modalità di svolgimento degli eventi e ottenuto dal Comune la necessaria autorizzazione di deroga ai limiti acustici.
Non volendo tuttavia l’Amministrazione pregiudicare lo svolgimento degli spettacoli, ha ritenuto di concedere la deroga evidenziando però la necessità di trovare il giusto equilibrio tra le manifestazioni musicali e la tutela dei residenti nelle aree limitrofe del centro storico, in particolare dal punto di vista dell’inquinamento acustico. Da qui il vincolo, dopo la mezzanotte, di un dimezzamento del volume emesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Extra lirica, ok dal Comune a spettacoli fino a dopo la mezzanotte ma a volume dimezzato

VeronaSera è in caricamento