Via di fuga per i cittadini di Peschiera, Esercito testa ponte sul Mincio

È l'atto conclusivo dell'esercitazione «Argo 2020» e vede impiegato il Secondo Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, già in acqua dai primi giorni di settembre

Ponte galleggiante sul Mincio

Giovedì prossimo, 10 settembre, verso le 10.45, si svolgerà a Peschiera del Garda, sul fiume Mincio, vicino al ponte ferroviario, l'atto conclusivo dell'esercitazione «Argo 2020», che vedrà impiegato il Secondo Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, già in acqua dai primi giorni di settembre.

L'esercitazione impegnerà circa 150 militari e più di 100 mezzi, con il supporto logistico del Parco Materiali Motorizzazione, Genio, Artiglieria e Nbc di Peschiera, ente alle dipendenze del Comando Logistico dell'Esercito. Sarà varato un ponte galleggiabile motorizzato di circa 120 metri, mediante l'impiego di moduli da ponte autopropulsi connessi tra di loro e delle dimensioni di 10 per 10 metri ciascuno. L'attività simulerà la realizzazione di una via di fuga per la popolazione attraversando il fiume Mincio sul ponte galleggiante motorizzato, nel caso di una emergenza che abbia reso inagibili i ponti della rete viaria ordinaria ed in un contesto di emergenza sanitaria dovuta ad una pandemia.

L'attività di aiuto alla popolazione civile in caso di calamità naturali ed emergenze rientra tra i compiti istituzionali assegnati all’Esercito che, attraverso l'impiego dei reparti del Genio di cui dispone, è in grado di cooperare con altri operatori civili nella gestione delle emergenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I pontieri tornano così sul Mincio dopo oltre 150 anni. Dopo aver consentito nel 1859 l'attraversamento del fiume da parte delle Armate Sarde a Salionze (VR), anche nel 1866 durante la Terza Guerra d'Indipendenza, gittarono un ponte di barche a Goito, nel Mantovano, a circa 2 chilometri a monte del ponte stabile per il transito delle fanterie e delle artiglierie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Filobus a Verona. «Ma quale ultimatum? Cantieri prorogati fino a fine anno»

  • Simone Padoan miglior pizzaiolo d’Italia e I Tigli terza miglior pizzeria

  • Ulss 9 Scaligera e Covid-19: origine e zona degli ultimi 39 casi registrati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento