Manifattura, commercio, costruzioni e turismo, i settori più colpiti dal lockdown

I dettagli di uno studio condotto dalla Cgia di Mestre sullo stato di salute del tessuto produttivo Veneto sono stati diffusi durante la prima giornata di «Compraverde BuyGreen», forum che ha premiato anche il Comune di Verona

Il premio ottenuto dal Comune di Verona

Nei primi tre mesi di chiusura, i comparti più colpiti in termini assoluti sono stati la manifattura, che ha perso 13 miliardi di euro di fatturato, il commercio, che ne ha persi 7,5, e le costruzioni con una perdita di 1,7 miliardi di euro. Questi i dati emersi durante la prima giornata di «Compraverde BuyGreen», forum regionale giunto alla sua quarta edizione ed inaugurato nel Palazzo della Regione a Venezia.
Un appuntamento nato per diffondere e valorizzare le migliori esperienze di processo e di prodotto in un'ottica di sviluppo sostenibile, rispetto ambientale e responsabilità sociale.

Il direttore dell'area risorse strumentali della Regione Veneto, Gianluigi Masullo, ha aperto i lavori facendo sintesi sui temi sfidanti, che attendono la Regione per il futuro prossimo e i quali devono diventare i driver della ripartenza post ed intra emergenza sanitaria, per diffondere una mentalità sostenibile capace di affrontare le nuove sfide di programmazione e sviluppo economico inclini ai principi dettati dall'Agenda 2030.
Presenti alla tavola rotonda, i rappresentanti delle categorie economiche: da Renato Mason, segretario della Cgia di Mestre, a Carlo Stilli, direttore generale di Confindustria Veneto; da Agostino Bonomo, presidente di Confartigianato Imprese Veneto, a Mario Pozza, presidente Unioncamere Veneto, e Matteo Ribon, segretario e direttore regionale Cna Veneto.

Grazie ad uno studio condotto dalla Cgia di Mestre sono emersi dati interessanti sullo stato di salute del tessuto produttivo Veneto. È da ricomprendere nelle categorie colpite dal lockdown anche il comparto turistico che ha risentito, soprattutto nel terzo mese, di un crollo della domanda internazionale contribuendo in maniera significativa alla definizione della stima del pil, che nel 2020 si attesterà attorno ad un -10,6%.
43mila è il numero di imprese venete che tra il 2015 ed il 2019 ha effettuato degli eco-investimenti, collocando la Regione Veneto al secondo posto nella graduatoria italiana per numerosità di aziende che investono in prodotti e tecnologie green.
La Regione Veneto risulta la regione italiana con la più alta percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, numero cresciuto negli anni attestandosi nel 2018 al 74%. Alla leadership veneta si aggiungono anche i primati provinciali di Treviso (87,3%) e Belluno (83,4%). Tra le città metropolitane Venezia è al primo posto con il 69,1%.
Una ricerca condotta da Cuoa Business School e Fondazione Nord Est (anno 2019) ha rilevato, invece, il livello di diffusione e consapevolezza sul tema della sostenibilità ambientale e sociale a nordest. Negli ultimi tre anni il 62% delle imprese ha intrapreso almeno cinque politiche volontarie legate alla sostenibilità ambientale e quelle intraprese con più frequenza sono riconducibili a: risparmio energetico e riduzione dei consumi (65%); investimenti in tecnologie e attrezzature rispettose dell’ambiente (63%); riduzione degli imballaggi (54%); riduzione dei rifiuti (57%).

Nel corso della mattinata è stato assegnato il Premio CompraVerde Veneto: un riconoscimento che intende valorizzare le migliori pratiche adottate sia dalle stazioni appaltanti pubbliche, sia dalle imprese private sul tema della sostenibilità. E nella categoria stazioni appaltanti è stato premiato anche il Comune di Verona, il cui bando per il servizio di disinfestazione e derattizzazione è stato giudicato il migliore "bando verde" nella sezione degli enti locali. Soddisfatta la consigliera delegata Laura Bocchi, che ha ritirato il premio per conto dell'amministrazione: «Questa menzione attesta non solo l'impegno dell'amministrazione ma anche che i cittadini recepiscono i nostri messaggi e le indicazioni in tal senso - ha detto Bocchi - Tutti hanno vantaggio a tutelare l'ambiente in cui vivono e se si uniscono le forze i risultati arrivano prima. Nel caso specifico della campagna antizanzare e dell'attività di derattizzazione, il premio di oggi conferma che i veronesi hanno capito l'importanza del loro ruolo che hanno in questa partita, perchè con piccoli accorgimenti possono davvero contribuire in modo importante nella lotta alla proliferazione delle zanzare. Lo stesso vale per i roditori, la cui presenza viene contrastata con strumenti innovativi come la geolocalizzazione e le telecamere, tutte operazioni ad impatto zero per l'ambiente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

bocchi_premio_green-2
(La consigliera Bocchi ritira il premio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Neonato abbandonato a notte fonda sul ciglio della strada a Verona

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Rintracciati dai carabinieri di Verona i genitori del bambino abbandonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento