Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Droni in volo su Forte Santa Caterina per valutarne il recupero: le spettacolari immagini

L’acquisizione di immagini e rilievi è stata voluta dagli assessori Segala e Zanotto, per conoscere in maniera più approfondita l'area in vista della sua riqualificazione

 

Foto aree, rilievi fotogrammetrici e mappatura degli edifici con scansione in 3D tramite droni. Da anni il forte e la caserma Santa Caterina, al Pestrino, non vedevano un dispiegamento tecnologico tanto avanzato. Il tutto per rendere possibile la conoscenza approfondita di un’area che complessivamente misura 123 mila metri quadrati, in vista del recupero e della sua riqualificazione.
L’acquisizione di immagini e rilievi, voluta dagli assessori di Verona all’Urbanistica Ilaria Segala e ai Lavori Pubblici Luca Zanotto, è stata realizzata sabato da quattro droni che si sono alzati in volo sopra lo storico forte austriaco Santa Caterina e sull’adiacente caserma, ormai dismessa da anni. A condurre le operazioni di rilievo gli esperti di Airpower, guidati da Marco Colantoni.

Quello realizzato il 20  giugno, fanno sapere da Palazzo Barbieri, è il primo passo necessario per la redazione del masterplan dell’area che il Comune ha affidato all’Università di Padova. L’obiettivo è riqualificare l’intero ex complesso militare e metterlo di nuovo a disposizione della città, individuando per questi spazi, fino a oggi poco noti e poco utilizzati, nuove destinazioni d’uso. Qui, infatti, dovrebbe sorgere il polo unico di deposito del Comune di Verona, una sorta di grande spazio per gli archivi comunali, dei musei civici e per le scenografie areniane. Una soluzione che permetterà anche di abbattere i canoni di locazione che il Comune oggi paga per l’affitto degli spazi adibiti a deposito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’area è composta dal forte austriaco Santa Caterina, che si presenta in buono stato di conservazione e per il quale si prevede un progetto di sistemazione in grado di renderlo fruibile al turismo, e dall’ex caserma. In questa seconda parte del compendio, inutilizzata da tempo, sono presenti 22 edifici militari, destinati ad essere abbattuti per lasciare posto alle nuove strutture a servizio del Comune e della città. Il masterplan dell’area sarà pronto a novembre.

«Oggi si concretizza la prima fase del progetto di riqualificazione del forte Santa Caterina e della caserma – ha detto l’assessore Segala -. Gli elementi che raccoglieremo, grazie ai rilievi fatti con i droni, ci permetteranno di avviare lo studio approfondito degli edifici presenti e di tutta questa grande superficie che si affaccia sull’Adige. L’ampia area della caserma, una volta riqualificata, è destinata a ospitare tutti i magazzini dei musei civici, oltre agli archivi dell’Ente e alle scenografie areniane. Ma siccome, gli spazi sono molto grandi c’è la possibilità di pensare ad altre destinazioni d’uso che vedremo, ci vedrei bene un campus universitario o uno studentato, oltre alla possibilità di far vivere ai cittadini questi grandi spazi verdi, pressoché sconosciuti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Viste le dimensioni molto importanti, – ha detto l’assessore alla Viabilità e Lavori pubblici Zanotto – questo sito merita una piano della viabilità apposito che poi si vada ad interfacciare con la rete stradale esterna, lungo le direttrici principali della città. Di questa nuova viabilità trarrebbero beneficio i quartieri di Porto San Pancrazio e borgo Roma che già oggi utilizzano il Pestrino come via di attraversamento. Migliorando la viabilità di questo compendio si andranno a migliorare sensibilmente anche le infrastrutture stradali che collegano questi due quartieri».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento