Attualità Centro storico / Piazza Bra

Nuovo dpcm di Draghi, obbligo di Green Pass per i dipendenti pubblici: le linee guida

Solo gli utenti delle pubbliche amministrazioni ne sono esclusi. I lavoratori senza certificazione verde dovranno essere allontanati. E ciascun giorno di mancato servizio è considerato assenza ingiustificata. Maggiore flessibilità negli orari di entrata e uscita

Su proposta del ministro della pubblica amministrazione Renato Brunetta e del ministro della salute Roberto Speranza, il presidente del consiglio Mario Draghi ha firmato oggi, 12 ottobre, un nuovo dpcm. Il provvedimento contiene le linee guida per l'obbligo di possesso e di esibizione del Green Pass da parte dei lavoratori delle pubbliche amministrazioni. Obbligo che scatterà da venerdì prossimo, 15 ottobre, anche per i dipendenti delle imprese che hanno in appalto i servizi di pulizia, di ristorazione, di manutenzione, di rifornimento dei distributori automatici; per i consulenti, i collaboratori e i prestatori o frequentatori di corsi di formazione; come pure i corrieri che recapitano all'interno degli uffici. Saranno dunque esclusi dall'obbligo di certificazione verde solo gli utenti delle pubbliche amministrazioni.

Il dpcm concede a chi è in attesa di rilascio del Green Pass l'utilizzo dei documenti rilasciati dalle strutture in cui è stato eseguito il vaccino anti-Covid o il tampone. Mentre i dipendenti sprovvisti di certificazione verde dovranno essere allontanati dal posto di lavoro. Ciascun giorno di mancato servizio, fino alla esibizione della certificazione verde, è considerato assenza ingiustificata, includendo nel periodo di assenza anche le eventuali giornate festive o non lavorative. Ma, in nessun caso, l'assenza di Green Pass può portare al licenziamento.

Come nel settore privato, anche nel pubblico impiego è il datore di lavoro ad avere l'onere di controllare il possesso del Green Pass da parte del lavoratore. Questo onere, però, può essere delegato a del personale specifico, preferibilmente con qualifica dirigenziale.
Le linee guida lasciano libero il datore di lavoro di stabilire le modalità di controllo. I lavoratori potranno esibire il certificato verde all'ingresso, cercando però di evitare ritardi e code. Successivamente, i controlli potranno essere a tappeto oppure su un campione quotidianamente non inferiore al 20% del personale in servizio, assicurando la rotazione e quindi il controllo di tutto il personale.
Per le verifiche, sarà possibile usare l'applicazione gratuita Verifica C-19. Inoltre, saranno fornite alle amministrazioni delle app e delle piattaforme che faciliteranno il controllo automatizzato, sul modello di quanto avvenuto per scuole e università.

Le amministrazioni pubbliche potranno infine modificare le fasce orarie di ingresso e di uscita del personale dalle sedi di lavoro in modo da non concentrare un numero eccessivo di lavoratori nella verifica del Green Pass.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo dpcm di Draghi, obbligo di Green Pass per i dipendenti pubblici: le linee guida

VeronaSera è in caricamento