L'invasione immaginaria, presentato dossier immigrazione 2018: «Gli stranieri sono l'8,5%»

I cittadini stranieri residenti in Italia sono circa 5 milioni e incidono per l'8,5% sulla popolazione totale. Nel Comune di Verona risiedono 35.639 immigrati, pari al 13,9% della popolazione, mentre nei 98 Comuni della provincia sono 105.460 su 922.821, cioè l'11,4%

Cittadini stranieri durante un corso di lingua italiana

Nella giornata del 25 ottobre 2018 il Dossier Statistico Immigrazione 2018, a cura del Centro Studi Idos e Confronti, è stato presentato in contemporanea in tutte le regioni italiane. A Verona la presentazione dei dati è stata curata dal Cestim e, in particolare, dalla sociologa Gloria Albertini. I dati rivelano ancora una volta come la percezione del fenomeno migratorio sia spesso ben diversa da quanto in realtà i numeri certifichino. L'utilizzo di termini molto forti come «invasione», o temi quali quello della presunta «sostituzione etnica» in corso nel nostro Paese, che alcune forze politiche non esitano a sbandierare, appaiono infatti privi di ogni fondamento sotto il profilo della statistica.

Stranieri in Italia: incidenza dell'8,5% sulla popolazione totale

Secondo un sondaggio del 2018 condotto dall’Istituto Cattaneo, gli italiani risultano essere i cittadini europei con la percezione più lontana dalla realtà riguardo al numero di stranieri che vivono nel paese, credendo che ve ne siano addirittura più del doppio di quelli effettivamente presenti. I dati del Dossier Immigrazione 2018, tuttavia, rivelano che all'interno dell’Unione europea a 28 Stati, dove – in base agli ultimi dati Eurostat al 1° gennaio 2017 – i cittadini stranieri sono 38,6 milioni (di cui 21,6 non comunitari) e incidono per il 7,5% sulla popolazione complessiva, l’Italia non è né il paese con il numero più alto di immigrati né quello che ospita più rifugiati e richiedenti asilo. Con circa 5 milioni di residenti stranieri (5.144.000 a fine 2017, secondo l’Istat), viene dopo la Germania, che ne conta 9,2 milioni, e il Regno Unito, con 6,1 milioni, mentre supera di poco la Francia (4,6 milioni) e la Spagna (4,4).

Anche l’incidenza sulla popolazione complessiva, pari all’8,5% (dato Istat), risulta più bassa di quella di Germania (11,2%), Regno Unito (9,2%) e diversi altri Paesi più piccoli dell’Unione, dove i valori superano anche in maniera consistente il 10% (Cipro 16,4%, Austria 15,2%, Belgio 11,9% e Irlanda 11,8%). L’incidenza più alta si registra nel Lussemburgo, dove gli stranieri sono quasi la metà di tutti i residenti (47,6%).

immigrazione dossier 2018 Italia Eu-2

La situazione a Verona e provincia

Secondo i dati forniti dallo studio presentato ieri dal Cestim, a inizio del 2018 gli immigrati residenti nei 98 Comuni della provincia di Verona risultano essere 105.460 su 922.821 residenti complessivi, vale a dire l'11,4%, una proporzione in sostanza identica a quella del 2017. Gli immigrati residenti sono aumentati lievemente, di 618 unità, dopo due anni di flessione. Le femmine prevalgono: sono 54.943, mentre i maschi sono 50.517.

Nel solo Comune di Verona risiedono 35.639 immigrati, pari al 13,9% della popolazione, con un aumento di 394 persone rispetto al 2017, anche in questo caso dopo due anni di calo. Analizzando il bilancio demografico della Provincia (tabella 1), emerge che le nascite sono una voce positiva importante, con 1.773 nati non italiani (erano 1.705 nel 2016), a cui corrispondono 138 cancellati per morte. L'altra voce positiva fondamentale sono gli iscritti dall'estero, 4.754.

immigrazione dati 2018 tabella 1-2

Tra le voci in negativo, cioè tra i motivi di cancellazione, il più rilevante sono le acquisizioni di cittadinanza italiana, con 3.764 nuovi cittadini italiani, comunque in calo rispetto allo scorso anno (quando se ne erano registrati 4.611). Altra voce importante è quella degli “altri cancellati” (3.057) che comprende la cancellazione per irreperibilità. Possiamo presumere che parte di questi cancellati lo sia stata perché si è trasferita all'estero senza darne comunicazione all'ufficio anagrafe: essi vanno sommati alle 940 persone che invece sono state esplicitamente cancellate per l'estero.

L'età (giovane) della popolazione straniera

Considerando le fasce d'età, si conferma il fatto che la popolazione immigrata sia strutturalmente più giovane rispetto alla popolazione autoctona (tabella 2). I minori sono 24.219 (23,0%), di cui 18.201 in età di scuola dell'infanzia o dell'obbligo. La popolazione adulta si concentra nelle classi d'età sotto i 50 anni, quindi nelle fasce più giovani e che più facilmente costituiscono forza lavoro: 29.170  immigrati residenti hanno tra i 18 e i 34 anni (27,7%), 34.387 hanno tra i 35 e i 49 anni (32,6%), mentre 14.248 residenti non italiani hanno tra i 50 e i 64 anni (13,5%) ed infine vi sono  3.436 immigrati residenti con almeno 65 anni (3,3%).

immigrazione dati 2018 tabella 2-2

Le varie nazionalità della popolazione straniera

La prima nazionalità tra gli immigrati residenti appartiene all'Unione europea ed è quella romena (31.689 residenti). Seguono a distanza Marocco (13.067), Sri Lanka (8.547), Moldova (6.537), Albania (6.207), India (4.785), Cina (3.986), Nigeria (3.471), Ghana (2.452) e Serbia (1.775). In termini di presenze complessive sui diversi Comuni del territorio veronese, dopo il capoluogo scaligero vengono San Bonifacio (3.970), Villafranca di V. (3.517), San Giovanni Lupatoto (2.797), Bussolengo (2.491), Legnago (2.229), Valeggio s/M (2.008), S. Martino B. A. (1.948), Bovolone (1.823), Zevio (1.545) e Sona (1.542).

Guardando invece ai Comuni che registrano le proporzioni più alte di immigrati residenti troviamo Nogarole Rocca (22,1%), Ferrara di Monte Baldo (19,0%), San Bonifacio (18,6%), Palù (17,2%), Roverchiara (16,3%), Nogara (15,9%), Sorgà (15,2%), Caldiero (15,1%), Garda (14,5%) e Torri del Benaco (14,4%). Rispetto all'anno precedente, si nota in particolare l'exploit di Ferrara - che però è  un Comune che conta 273 residenti e per il quale con poche iscrizioni si può raggiungere questa percentuale – mentre le altre presenze rimangono sostanzialmente invariate.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 settembre 2019

  • Sfonda la recinzione stradale con un camion e vola per 7 metri dal ponte di viale delle Nazioni

  • Parcheggia l'auto e va in fiera a gustarsi un risotto. Al ritorno non trova più due portiere

Torna su
VeronaSera è in caricamento