Domenica, 17 Ottobre 2021
Attualità Università / Via dell'Artigliere

"Poco ballabili ballate" a fin di bene, il disco del chirurgo musicista Claudio Bassi

Il direttore della sezione di chirurgia generale e pancreatica dell'Università di Verona continua ad affiancare alla carriera di chirurgo quella di musicista, con il nome d'arte di Bifo. Ed è uscito il suo nuovo disco

Dalla sala operatoria al palco, come cantautore. Da anni il professor Claudio Bassi, direttore della sezione di chirurgia generale e pancreatica dell'Università di Verona, affianca con successo alla carriera di chirurgo, quella di musicista, con la sua Bifo Band.

Esce ora il suo ultimo lavoro, "Poco ballabili ballate", che è stato presentato in Sala Barbieri a Palazzo Giuliari, giovedì 8 luglio. Prodotto da Battitorumore di Alberto Rapetti, il disco è stato registrato tra il Veronese e gli Stati Uniti insieme a tanti amici musicisti di diversa estrazione. Il ricavato delle vendite del disco sarà devoluto all’associazione Amici del Pancreas.
Dopo l'introduzione e i saluti del rettore Pier Francesco Nocini, Claudio Bassi ha presentato il disco attraverso l'intervista di Enrico De Angelis, giornalista, critico musicale e storico della canzone italiana, e gli interventi di Giampaolo Rizzetto, critico musicale, e Nicola Pasqualicchio, docente di discipline dello spettacolo in ateneo.

Sono 10 le ballate che compongono il disco, carezzando diversi temi, dall’amore alla paura, ma c’è spazio anche per la "Ballata del pancreas", che il docente-cantautore definisce scherzosamente il suo «miglior contributo alla pancreatologia», registrata insieme al collega Nicholas Zyromsky, chirurgo pancreatico dell’Indiana University Health University Hospital (Usa).

Il disco presentato dal vivo, con la partecipazione dei tanti musicisti che hanno contribuito alla sua realizzazione, a Villa Venier, Sommacampagna, giovedì 15 luglio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Poco ballabili ballate" a fin di bene, il disco del chirurgo musicista Claudio Bassi

VeronaSera è in caricamento