Accoglienza "sollievo" fino a 30 giorni per i disabili: la sperimenta il Veneto

Si tratta di uno strumento che la Regione intende mettere a disposizione delle famiglie che assistono un congiunto affetto da disabilità

Immagine generica

«Un sostegno in più alle famiglie dei disabili». Così l’assessore regionale alla sanità e al Sociale Manuela Lanzarin presenta la sperimentazione al via da quest’anno in Veneto nelle comunità alloggio per disabili. Da gennaio una quarantina di comunità alloggio della Regione, strutture autorizzate e accreditate per accogliere in forma residenziale fino a 10 persone con disabilità di grado lieve e intermedio, metteranno a disposizione un posto in più per ospitalità di emergenza o per periodi programmati di durata limitata.

«Se la famiglia che assiste il congiunto disabile si trova ad affrontare una situazione di emergenza imprevista o necessita di un periodo di sollievo dai carichi di assistenza e di cura – spiega l’assessore – potrà rivolgersi ai servizi territoriali delle Ulss che, in base alle specifiche esigenze e alle disponibilità del territorio, potranno organizzare un progetto di accoglienza temporanea in comunità, offrendo così un supporto concreto ai parenti impegnati nell’accudimento e una risposta personalizzata alle esigenze della persona disabile. Il periodo di accoglienza non supererà i 30 giorni, eventualmente prorogabili in presenza di specifiche esigenze, nel rispetto ovviamente degli standard assistenziali e organizzativi previsti per questa tipologia di strutture e alle medesime condizioni economiche previste per gli ospiti permanenti».

«La disponibilità delle comunità alloggio sarà comunque accertata e verificata dalla Regione – conclude l’assessore – al fine di garantire la qualità dell’accoglienza a tutti gli ospiti, permanenti e temporanei, e di non sovraccaricare gli operatori di assistenza. Se la sperimentazione produrrà gli esiti positivi che ci aspettiamo, saremo in grado di offrire uno strumento in più di sostegno a scelte di domiciliarità e all’impegno di quei familiari, spesso anziani, che si prendono cura in prima persona del figlio o del congiunto disabile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il costo presunto della sperimentazione, qualora tutti i posti aggiuntivi delle circa quaranta comunità alloggio del Veneto fossero occupati 12 mesi l’anno, sfiora il milione e 400 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento