Solori, il direttore Airoldi si dimette. Bertucco: «Un nuovo pasticcio?»

Nell'agenzia per la riscossione dei tributi di Verona e di altri Comuni, l'esperienza di Airoldi è stata molto breve, dato che il suo incarico era partito formalmente lo scorso luglio

Ingresso sede Solori (Foto Gmaps)

Antonio Airoldi si è dimesso dalla carica di direttore di Solori, l'agenzia per la riscossione dei tributi di Verona e di altri Comuni. Un'esperienza molto breve, quella di Airoldi in Solori, dato che il suo incarico era partito formalmente lo scorso luglio, dopo una selezione indetta per trovare il successore di Alessandro Tatini, la cui nomina era stata revocata.

Le motivazioni dietro alle dimissioni di Airoldi pare siano personali, ma il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco non è del tutto convinto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla documentazione, ancora incompleta, che ho ricevuto dagli uffici risulta che Airoldi fosse stato ammesso con riserva alla fase finale della procedura di selezione. Per la precisione erano stati ammessi con riserva ben due dei tre "finalisti", tra cui compare anche Tatini. Fra i tre, Tatini risultava l'unico a possedere per intero tutti i requisiti richiesti dal ruolo, in particolare quello dell'esperienza pregressa. Del resto è noto che dopo Torino, dove appunto Tatini lavorava prima di essere ingaggiato a peso d'oro dalla precedente amministrazione Tosi (10 mila euro netti al mese), Verona è stata la prima città a sperimentare la costituzione di una società di riscossione ad hoc. A qualche anno di distanza, tuttavia, i risultati lasciano a dir poco perplessi: rispetto alle grandi aspettative della vigilia, Solori opera all'interno di un consorzio abbastanza ristretto di piccoli Comuni e adotta gli stessi identici mezzi di qualsiasi altra società di riscossione. Non a caso sulla continuità dell'azienda pesa da anni un project financing per il recupero delle multe non pagate che toglierebbe gran parte del lavoro su cui Solori attualmente basa la sua attività. La giunta farebbe bene a schiarirsi le idee sul futuro di questa azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento