rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

A gennaio didattica a distanza alle superiori, Sboarina: «Grande sacrificio»

Verona si adegua alla nuova ordinanza regionale. Il sindaco: «I dati sull'emergenza coronavirus non sono per niente incoraggianti. La previsione di riaprire le scuole era preoccupante»

Verona si adegua all'ordinanza regionale firmata ieri, 4 gennaio, dal presidente del Veneto Luca Zaia. Le scuole superiori resteranno chiuse fino a domenica 31 gennaio. Questo significa che dopo le feste, tutti gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, comprese le scuole di formazione professionale, proseguiranno con la didattica a distanza. Le lezioni in presenza, quindi, riprenderanno dal primo febbraio. Resta garantita, invece, la partecipazione a laboratori o alle attività per alunni con disabilità e bisogni educativi speciali.

Come specifica l'ordinanza stessa, il provvedimento viene adottato in quanto «le misure statali e regionali non hanno determinato il contenimento del contagio in misura tale da consentire l'espletamento del servizio scolastico», tenendo in considerazione che, in tutto il Veneto, dovrebbero riprendere a spostarsi 117mila studenti e 18mila tra docenti e personale ata, con possibili assembramenti. In un momento ancora critico, come confermato dai bollettini regionali sull'emergenza coronavirus.

«Insieme alla Prefettura e ad Atv avevamo già predisposto il rinforzo del servizio di trasporto scolastico, ma è troppo rischioso riprendere le attività in aula in questo momento - ha spiegato il sindaco di Verona Federico Sboarina - I dati non sono per niente incoraggianti, soprattutto nella nostra città. La previsione di riaprire le scuole era preoccupante, in quanto avrebbe determinato inevitabili affollamenti. Anche aumentando le corse, infatti, se ingresso e uscita dei ragazzi non sono scaglionati e riorganizzati, creano per forza delle ore di punta sui bus, utilizzati anche dai lavoratori e dagli anziani. Rischio che non corriamo con i livelli di istruzione inferiore per i quali il servizio di trasporto è organizzato in maniera completamente differente. Per tutelare la salute pubblica e anche l'economia cittadina è prudente rimandare, quindi, di qualche settimana. So che è importante per i nostri ragazzi e giovani la crescita anche personale a contatto con i coetanei e con i docenti. Si tratta di un grande sacrificio a cui adesso sono chiamati, ma faremo tutto il possibile perché questo avvenga quanto prima. Non possiamo minare adesso un possibile ritorno alla normalità entro la prossima primavera».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A gennaio didattica a distanza alle superiori, Sboarina: «Grande sacrificio»

VeronaSera è in caricamento